Colori cane corso

  • Questo topic ha 14 risposte, 5 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 5 anni, 1 mese fa da Anonimo.
Visualizzazione 13 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #43676
      Anonimo
      Inattivo

      Da poco ho incontrato nuovamente il mio allevatore e parlando del più e del meno e sobbissato dalle mie curiosità sulle varie tematiche inerenti il cane corso, non per ultimo la sua linea di sangue,lui stesso si soffermava sulle colorazioni e confermando ciò che è emerso sul forum e cioè che storicamente il cane corso non era nero ma come colore introdotto successivamente.
      Mi chiedo come si è ottenuto questo colore? È stato intrododdo una razza che contemplasse il nero?
      Francamente sono domande che mi sono sfuggite di farle all’allevatore perché quando vado li, diventa difficile sviscerare tutte le curiosità con lui in quanto ne sa tanto sul cane corso è li alleva da una vita. Mi piacerebbe stare delle ore con lui a parlare di cane corso è sul mondo che lo circonda,qualche teatrino salta fuori specie agli albori del neonato standard…

    • #43690
      Anonimo
      Inattivo

      IL nero nel cane corso esiste da sempre, ma non è un nero netto lucente, ma un tigrato di giallo , con macchie puntate di grigio,e sovvente con liste sia sul naso che sulla faccia Tanto aprezzate dagli amatori del cane corso tradizionale, e succede nella maggior parte dei casi che crescendo le tigrature diventino sempre piu dominanti,quando è andato di moda il cane corso(e qui si deve andare indietro nel tempo fino al cosi detto recupero delle razza da parte della SACC) ci furono molti allevatori del NORD,che vollero fare il cane corso nero lucente,e se possibile con macchie bianco latte , piccole ,circoscritte al petto, massimo nei piedi ,senza puntature grigie,e sempre di nascosto utilizzarono RAZZE DIVERSE INTERAMENTE NERE, alcuni adoperarono il Labrador nero, alcuni il Flat Coated retriever, altri l’Alano nero, tutte queste razze sono assolutamente nere, e naturalmente venne fuori il cane corso nero,con i dovuti effetti collaterali del caso,che poi si sono diluiti nel tempo, ma ad un occhio esperto capita ancora di vedere in certi esemplari l’influenza delle razze che hanno contribuito al colore nero, infatti la settimana scorsa ero a Bellaria e mi è capitato un signore con un presunto cane corso nero, che altezza a parte(sembrava un cavallino)nel muso sembrava un Alano in tutto per tutto,ora negli allevamenti del Sud il colore nero viene fuori ma se lo si guarda bene controluce è senpre tigrato sotto pelo,e le macchie sono per lo più quando ci sono puntate di grigio, e con il passare del tempo quando il cane si invecchia,le tigrature vengono fuori sempre di più,ecco perche si dice che il nero puro non è un colore del cane corso antico, ma chi lo dice , a volte non sa il perche, lo dice per sentito dire, ciao Valerio PS allego una foto di un cane corso nero tigrato colorazione antica uno a caso

    • #43695
      cainos
      Moderatore

      Grande Valerio… Sempre Preparatissimo.

    • #43701
      Anonimo
      Inattivo

      Quindi Valerio Confermi che il nero puro nel corso tradizionale non esisteva. Come vi dicevo non ho avuto modo di chiedere come si è arrivati al nero puro ,per questo la mia curiosità,anche se qualcosa ne dovrebbe sapere essendo cresciuto in mezzo ai cani corsi.
      Nel corso comunque implicitamente il colore nero puro si può affermare che chi lo produce in allevamento può avere delle linee di sangue diciamo “inquinate”?

    • #43703
      Anonimo
      Inattivo

      Non ti voglio mettere le parole in bocca, pensaci ed arrivaci da solo, certo oggi il colore si è fissato nella razza, ma è un colore che e ci si ostina a farlo in purezza da dei problemi(alcuni allevatori del Nord ci hanno provato, avendo poche cognizioni genetiche) ma hanno dovuto rinunciare pena gli effetti collaterali sopra citati, perche ottenuto con incroci con altre razze,il vero nero originale del cane corso è quello Tigrato con tigrature piu o meno marcate,io amo i cani con colori antichi e possibilmente con liste sul muso(Noor era l’unica che aveva il muso con lista) e il nero puro non è fra i colori che amo , mentre mi fa impazzire il Formentino se è bello, ma questa è un altra storia .Ciao Vale

    • #43706
      Anonimo
      Inattivo

      Ho visto solo adesso la foto postata da Valerio,in effetti un nero tigrato con quella sfumatura è la prima volta che li vedo,in effetti è un bel colore rispetto al nero puro.
      Grande Valerio e grazie

    • #43716
      Anonimo
      Inattivo

      IL Cane postato se non te ne sei accorto è la mia Noor al giunzaglio con Agnese mia moglie

    • #43720
      Anonimo
      Inattivo

      Scusami non me ero accorto,vedendo la foto mi sono concentrato a capire le sfumature del colore nero tigrato ,dopo le tue indicazioni, rispetto al nero puro. Certo poi entrano in gioco i gusti personali nel scegliere l’uno rispetto l’altro,anche se uno volesse essere integralista dovrebbe propendere verso il nero tigrato nella scelta. Il mio credo sia fulvo carbonato e non me ne dispiace, ma il futuro corso mi piacerebbe averlo anche grigio.
      A propositi Valerio un ragazzo asseriva che il mio essendo Fulvo con maschera nera diceva che erano colori del bullmastif…storicamente esistevano i fulvi con maschera nera nei colori tradizionali del cane corso?

    • #43727
      eddiehardcore7
      Partecipante

      Anche se con diverse sfumature, i miei sono neri: Cesare le ha più distinte quasi su tutto il corpo, Giuditta per ora ha una linea nera sulla schiena e le pance laterali tendenti al grigio (assomiglia ad una cinghialotta).

    • #43751

      Salve,sono Alessandro Carrega dallUruguay.A proposito di colori, il mantello bianco, perchenon esiste?Ho letto ,non so dove, che anticamente i cani usati per caccia grossa erano anche bianchi.Inoltre, giorni fa ho visto una foto, in pinterest,di un bel corso quasi bianco.Forse era solo un fromentino chiaro.Capace che fosse effetto del fotoshop, peromi son rimasti dei dubbi.Qui e in Argentina, si privilegiano i cani bianchi, perchesono inconfondibili di giorno e facilmente visibili di notte, soprattutto con la luna.La caccia al cinghiale eesercitata molto spesso di notte, non essendoci limiti, perchela specie del cinghiale econsiderataplaga nacionalpiaga nazionale, ed eperseguibile sempre e con ogni mezzo!E anchìo personalmente, ho constatato quanto agevoli avere cani bianchi nella notte, che non permettono equivoci di identificazione.Personalmente non amo molto il colore bianco del mantello, anche se ho due dogos argentini, molto belli.Ma il dogo epraticamente un albino, con mucose quasi sempre rosate, che gli danno problemi con lesposizione al sole,soprattutto agli occhi.Per questo le linee moderne, cercano la pigmentazione nera delle mucose.Inoltre lalbinismo puro puodar problemi di sordita.Il colore nero o marron scuro daltronde, daaltri problemi.Ho constatato in Brasile, Mato Grosso, zona tropicale, che la forte insolazione ,riscalda moltissimo il mantello,facendo soffrire il cane di colore scuro, che , nelle ore piucentrali del giorno, fa fatica a smaltire l`eccesso di calore.

    • #43757
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Alessandro, il colore bianco netto con tartufo nero e occhi neri, era un colore che nel cane corso antico esisteva,e non era un semialbino come il Dogo, ma era un vero bianco, ma era un colore che essendo recessivo ne nascevano pochi,e i più avevano dei problemi,tipo il poter diventare sordi,come colore chiaro per la caccia notturna gli si è preferito il formentino, che è una diluizione del colore fulvo con il bianco, il formentino(che ha la pelle scura melanica e il tartufo scuro, nella sua diluizione massima sembra un bianco senza averne i difetti, e sinceramente è anche molto bello da vedere, il colore classico del cane corso scuro e il nero tigrato il grigio netto e tigrato in tutte le sua varianti, il fulvo in tutte le sue diluizioni fino ad arrivare al formentino, il bianco netto a dire la verità non lo si è più cercato, ma non è detto che in certi ceppi antichi non possa venire fuori, ma non essendo desiderato nessuno forza per cercarlo,o averlo, preferendogli un bel formentino , io compreso. Ciao Valerio

    • #43764

      Bene, la risposta eesauriente e mi trova in completo accordo.Ora dovrotrovare un formentino chiaro, isabella o giallo, che sono colori che mi piacciono molto.Ma che non ho mai visto nel corso.Salutando,Alessandro

    • #43768
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Alessandro ti allego 2 foto di Cani Corso FORMENTINI,si tratta Ares e Quon III del Contado del Molise figli del Mitico Quon II grande maschio formentino, sono due cani che oltre a delle doti caratteriali fantastiche (non hanno paura di niente) hanno un colore Formentino di una tonalità bellissima, ciao valerio

    • #43780
      Anonimo
      Inattivo

      [quote=43720]Scusami non me ero accorto,vedendo la foto mi sono concentrato a capire le sfumature del colore nero tigrato ,dopo le tue indicazioni, rispetto al nero puro. Certo poi entrano in gioco i gusti personali nel scegliere l’uno rispetto l’altro,anche se uno volesse essere integralista dovrebbe propendere verso il nero tigrato nella scelta. Il mio credo sia fulvo carbonato e non me ne dispiace, ma il futuro corso mi piacerebbe averlo anche grigio.
      A propositi Valerio un ragazzo asseriva che il mio essendo Fulvo con maschera nera diceva che erano colori del bullmastif…storicamente esistevano i fulvi con maschera nera nei colori tradizionali del cane corso?

      [/quote]

      • #43782
        Anonimo
        Inattivo

        Non ti avevo risposto e mi ero perso il tuo commento, ti chiedo scusa e rispondo subito, di al tuo amico di stare tranquilo il fulvo brillante, con maschera completamente nera è uno dei colori classici del cane corso tradizionale, è il fulvo lo si ritrova in tutte le sue tonalità piu scure o più chiare compreso la maschera che può essere o nera o grigio, ma ripeto il cane corso fulvo oltre che essere molto apprezzato è un colore originale, come il grigio netto, o tigrato più o meno scuro, il cane corso è uno dei pochi molossoidi (anzi l’unico) ade una gamma di colori molto ampia, e anche questo è sintomo di una variabilità genetica elevata, ciao Vale

Visualizzazione 13 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.