Una vostra valutazione sul mio Corso Boris.

Cane Corso Italiano – Carattere, Morfologia e Storia Forum Le Vostre foto Una vostra valutazione sul mio Corso Boris.

Visualizzazione 53 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #45760
      Anonimo
      Inattivo

      Salve a tutti, sono nuovo del forum e mi sono iscritto perchè ho un cane corso di 6 mesi; conosco poco della razza e solo per informazioni apprese da internet, in passato ho avuto altri cani (pastore tedesco, boxer, snauzer gigante, bulldog ingl., e per ultimo un maremmano incrociato con un terranova morto lo scorso anno dopo 14 anni di onorato servizio di guardia).
      Così ho deciso che oltre al piccolo ma tenace jack russel serviva anche un’ottimo cane da guardia, dal momento che abito in campagna, che ho preso da un privato a 50 gg Cane Corso.
      Le domande che ti poni quando non acquisti da un allevatore è se hai preso un buon cane -mi riferisco alle caratteristiche proprie della razza-. Ho già letto qui qualcosa sulla chiusura della bocca, Boris fino a quando aveva i denti da latte chiudeva perfettamente a tenaglia dopo il cambio a quelli definitivi ho notato un prognatismo che sò che non è da preferire anche se accettato in minima misura, inoltre “forse da profano della razza” ho l’impressione di vedere la testa un pò tipo boxer, sarà che ancora è un cucciolone e qundi dovrò aspettare che completi lo sviluppo, nei molossi molto tardivo; se vi allego delle foto potreste darmi un’opinione?
      Attualmente ha 6 mesi, pesa sui 30 Kg, al garrese misura sui 58.
      Grazie Maurizio

    • #45766
      Mattia
      Partecipante

      Ciao Maurizio.

      In realtà anche da un allevatore puoi prendere cantonate pazzesche e le domande te le devi porre sempre e comunque, ormai il cane ce l’hai e sembra comunque un bel cucciolone, si nota una prognazione e probabilmente non sbagli se noti un possibile mix boxer, perchè il corso tradizionale non è prognato e non ha gli occhi così dolci, comunque il tuo cane rientra perfettamente nello standard Enci e magari chi lo ha allevato puntava proprio a quello.

      Caratterialmente e fisicamente lo si può valutare davvero dopo i due anni, fa ancora in tempo a cambiare tantissimo e avendo avuto altri molossi sai già come muoverti, se è un corso tradizionale già a sei mesi è un guardiano terribile!

    • #45770
      Anonimo
      Inattivo

      Grazie Mattia; guardiano terribile, quando arriva qualcuno è attento ed inizia ad abbaiare con il suo vocione cupo, però mentre la persona si avvicina tende ad arretrare continuando ad abbaiare – può essere interpretato come un segno di aggressività per paura? Mio zio mi dice che è dovuto più alla sua insicurezza in quanto troppo giovane. In mia presenza si mette al mio fianco e continua ad abbaiare ma non tende ad avanzare, mentre se al gunzaglio e gli metto vicino il suo salcicciotto di yuta, quando cerchi di portarglielo via la sua reazione è pronta e rabbiosa, attitudine alla possessività spiccata; dopo quando mio zio si avvicina tranquillamente e mi tende la mano , Boris per quanto vigile non ha reazione segno di equilibrio e indifferenza verso chi non porta una minaccia; queste sono le uniche prove sulle attitudini caratteriali che fin qui ho fatto. Cosa ne pensate?
      Con i cani in genere non và affatto d’accordo, non posso portarlo in città perchè tende ad essere aggressivo – rizza il pelo su tutta la schiena segno di eccitazione, e non solo su spalle/collo segno di aggressività- verso tutti quelli che incontra; gioca solo con il jack con cui convive qui in campagna avvicendandosi nei ruoli di Preda/predatore, se non chè una sera si sono azzuffati seriamente e se non fossi intervenuto lo ha preso prima per il collo e dopo per la coscia posteriore sollevandolo da terra e strattonandolo rabbiosamente; per fortuna solo due buchini ma niente di grave per il povero Jack Russel; mi si dice di lasciarli stare perchè devono sbrigarsela da soli e stabilire il dominante alfa, fino a qualche giornofa lo faceva il jack di 1 anno. Comunque il giorno dopo hanno ripreso a giocare come se nulla fosse.
      Cosa devo dedurre???
      grazie Maurizio

    • #45771
      Mattia
      Partecipante

      Qui sarebbe meglio intervenisse Valerio, per mia esperienza il controllo ok ma un guardiano sicuro di se abbaia solo se necessario e non arretra, potrebbe essere insicurezza dell’età ma come dicevo il carattere fino a due anni non è formato.

      Posso consigliarti di non farlo intervenire in tua presenza, se ci sei tu si tu il capo e decidi chi è amico e chi no, se crede di dover fare lui il capo non è in grado e quindi abbaia a qualsiasi cosa si avvicini.

    • #45772
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Maurizio scusa il ritardo ma sono un po impegnato, inanzi tutto ben venuto nel Forum, poi guardando le foto del tuo cane (dalle foto intendiamoci è fatica dare un giudizio ) sembra un cane corso da expo co sangue Boxer nelle vene, come comportamento essendo ancora un cucciolo è normale che da solo si comporti in quel modo alla guardia, io penso che da adulto non arretrerà per niente, ma adesso gia è positivo se si fa avanti abbaiando, con il Russel…… li la cosa è più complicata, se si trattava di un Volpino , razza da sempre abituata a fare da pometto al Cane corso non ci sarebbero stati problemi, nel senso che il Volpino sa perfettemente la consistenza delle sue forze, e di conseguenza evita nel modo più assoluto di provocare il cane corso,anzi lo coccola sempre, ma un terrier si comporta in maniera totalmente diversa, il Terrier ringhia quando mangiano insieme, ringhia quando giocano, e alla lunga quando il cane corso sarà diventato un adulto forte e potente ilterrier si becca una sgagnata di quelle buone che lo possono portare anche alla morte, tienili d’occhio, perche con i Terrier c’è sempre da aspettarsi una zuffa, ciao Valerio

    • #45773
      Anonimo
      Inattivo

      Grazie per il benvenuto Valerio; ma scusate inizio ad avere un pò di confusione, ho letto da più parti l’impresa fatta per recuperare questa splendida razza, alcuni allevatori hanno immesso sangue boxer altri del mastino napoletano e altri chissà di quale altro molosso…
      Ma vedo che si fa riferimento ad una linea di sangue da expo; di sicuro qui l’argomento sarà stato ampiamente discusso, ma correggetemi se capisco bene e cosa mi sfugge: cane da expo dovrebbe rispettare tutti i canoni ENCI “solo morfologicamente”; e perchè è ricercata quel tipo di testa similboxer? Non si prende in considerazione l’aspetto caratteriale genetico della razza? Forse in prove da lavoro è da preferire il corso rustico(quale differenza c’è tra i due?), e a cosa mira il futuro della razza a quello da expo o al rustico? ma allora si persegue un futuro che va su due binari diversi?
      Valerio, riguardo alla convivenza dei due cani penso che posso fare poco, quasi l’intera giornata sono preso dal lavoro quindi non posso badare loro, è un rischio che devo correre;
      il jack è iperattivo e di carattere “abbaia sempre per primo” Boris e più flemmatico ma in seconda battuta abbaia con il suo bel vocione. Considera che quando non ci sono a casa lascio moglie e una bambina di 6 anni in una campagna un pò isolata. ciò che mi preme di più che in mia assenza il corso diventi capobranco e tuteli la famiglia.
      Grazie Maurizio

    • #45774
      Mattia
      Partecipante

      In realtà i pochi allevatori che hanno davvero recuperato il cane corso originale lo hanno fatto andando a ripercorrere le àntiche linee di sangue ancora esistenti, la cazzata di immettere sangue Boxer o Bullmastiff è nata dalla necessità di rendere vendibile il cane alle masse, perchè tutte le famiglie possono prendersi un cagnone buono e patatone, magari un pò di guardia la fa pure ma gioca coi bimbi dei vicini di casa, l’allevatore guadagna e tutti contenti.

      Il Cane Corso tradizionale è tutta un’altra bestia, è un cane impegnativo che va sempre tenuto a bada fin da cucciolo, diffidente verso gli estranei e tremendo nella difesa della famiglia…per intenderci, il mio ha 11 mesi e io non posso ancora far entrare dentro casa l’operaio dell’Enel o un corriere, perchè non ho ancora il controllo tale da permettermi di fermare il cane e lui se qualcuno entra in casa attacca diretto, ma è stato così fin da quando era piccolo.

      Il discorso è lungo e affascinante, ti consiglio di spulciare le varie sezioni del forum perchè troverai tantissime informazioni in merito.

    • #45775
      Anonimo
      Inattivo

      Scusa Mattia ma il tuo cane vive in appartamento o all’aperto?
      Sono territori diversi da proteggere. Quando vivevo in citta’ e avevo il cane in appartamento era la stessa cosa che descrivi tu. In campagna il territorio piu ampio e stimoli diversi possono cambiare il comportamento del cane. Il cane da guardia secondo me deve per prima cosa abbaiare per avvisarmi dell’arrivo di chiunque sia, parenti compresi e solo al mio ordine deve lanciarsi all’attacco, se ho realmente il controllo del cane e se il cane è equilibrato.
      Cosa ne pensi?

      • #45777
        Mattia
        Partecipante

        Io vivo in un appartamento con terrazzo, di fronte ad un parco pubblico, da tempo sto cercando una soluzione con giardino in periferia.

        È vero quello che dici ma il terreno/giardino è un’area esterna periferica rispetto all’interno della casa che è davvero zona rossa.

        Il Cane Corso tradizionale istintivamente difende il territorio e solitamente è la distanza che innesca meccanismi di attacco, ovvio che una persona a cento metri viene segnalata e il cane la studia, se entra qualcuno dalla porta parliamo di alcuni metri di distanza dal cane, in quella situazione credo che pochi possano realmente fermarlo con un comando vocale, parliamo comunque di cani adulti che sono ben allenati all’addestramento, su un cane giovane non si riesce.

        Di sicuro se avevi lo Schnautzer in casa era un bel problema per chi entrava…quel che vuoi ottenere è l’obiettivo di tutti, bisogna lavorarci tanto e bisogna avere anche il cane giusto, ci sono quelli che abbaiano ma poi davanti al ladro scappano, ci sono altri troppo aggressivi e mordaci che non li controlli, deve avere tempra e temperamento ed essere portato istinitvamente alla guardia, perchè se non lo fosse è l’unica cosa che non si può insegnare.

    • #45781
      cainos
      Moderatore

      Ciao e ben Venuto.
      Come ti ha detto Valerio il tuo è un cane corso da Expo con linea di Sangue Boxer.
      Rispondendo al tuo Quesito ti posso riassumere in alcuni passi importanti.
      Il Corso e il Mastino Napoletano erano lo stesso cane.
      Entrambi una volta entrati nell’ Enci hanno seguito due strade differenti ed entrambe disastrose.
      il MAstino NApoletano è Diventato un Ipertipo dalla testa enorme e con difficoltà motorie notevoli.
      Il Corso invece per distinguerlo dal Mastino hanno pensato di dire che lo standard prevedesse una leggera Prognatura.
      Partiamo dal fatto A che il cane che hanno preso in Esempio come standard non era neanche un Gran che.
      E Stabiliamo B che il Prognatismo è un Carattere recessivo indi per cui per inserire un leggero prognatismo si dovevano inserire cani Prognati dentro al linea sangue di corso Tradizionale che il Prognatismo non sapeva manco cosa fosse.
      Quindi si è aggiunto Boxer MA poi venivano troppo leggeri (in compenso si sono presi l’ Epilessia cosa che il corso non sapeva neanche cosa fosse)
      E i Bull MAstiff (fra i due meglio loro).
      L’ Enci di quello che era il patrimonio del Corso se ne è sbattuta e se ne sbatte tutt’ ora le palle.
      Inserire queste razze ha distrutto tutte quelle doti caratteriali atte alla guardia e difesa che il corso tradizionale aveva.

      Adesso ti spiego perché il tuo concetto di cane che prima deve abbaiare e poi lanciarsi al comando se età facendo la guardia, è sostanzialmente sbagliato.

      Il Corso Tradizionale aveva una dote Ottima ovvero la Territorialità Tipica appunto del Cane da Guardia Per questo la gestiva egregiamente.
      Gli altri Molossoidi hanno l’ attitudine alla difesa ma è ben differente.
      Quando parliamo di territorialità e quindi cane adatto alla guardia e difesa del proprio territorio, parliamo di un Cane incredibilmente Indipendente che non accetta dunque che il suo territorio venga invaso.
      Non lo accetta da nessuno che non siano i membri del suo Branco indi per cui un buon cane da Guardia Forse ti Avverte (se è gentile) ma non aspetta certo il tuo Comando per entrare in azione.

      Questa caratteristica più o meno pronunciata ce l’ hanno i Cani da Pastore infatti Guardiani irriducibili e notoriamente poco controllabili.
      Si va Da un Abruzzese, comunque riflessivo e che ti aspetta al varco casomai, al Caucaso che non ci pensa 2 volte e tutto quello che passa la line dal suo territorio deve essere Atomizzato, che il padrone sia d’ accordo o meno a lui non interessa.

      Il Corso Tradizionale Paradossalmente (e questo lo rende incredibile come cane) ha una tale apprezzamento verso il proprio Padrone da andare oltre i suoi istinti.
      Quindi se il Padrone è bravo e lavora bene con il Cane può fare in modo di sedare il suo Carattere e tramite una sorta di rituale fare accettare al Cane gli ospiti che entrano in casa.
      MA stai sicuro che non lo perderà mai di vista ed è proprio un servizio che età prestando al Padrone Dono della sola e grande dedizione che verso di lui.

      Se il Cane percepisce o percepirà pericolo o disagio Partirà che il padrone gli abbia dato il comando o meno.
      Magari Lascerà a comando ma sicuramente Parte.

      Queste sono le caratteristiche che hanno reso il Cane Corso così apprezzato fino ai tempi dei Romani.
      Un cane Indipendente ma che ti ascolta, Un MOlossoide che oltre al noto attaccamento verso il Padrone manteneva anche l’ attitudine alla territorialità, una Coraggio e una Forza Ottimi.

      I corso da Expo se non li addestri non ti fanno neanche al Difesa tanto è diluita la loro Aggressività originaria a causa dei continui rinsanguanti con genitori poco aggressivi per permettere le Esposizioni e vendere i Cani a tutti.

      M secondo te un Cane che Deve nel momento del Bisogno avere la forza di Attaccare l’ uomo (e ricordo che tutti i cani come anche il Lupo temono l’ uomo) quindi deve avere questa spinta contro il loro istinto di sopravvivenza e Non solo dovrebbero Farlo quando sono da soli e non con il Padrone accanto (che è un forte rinforzo) Si Farebbero Aprire la Bocca e toccare le Palle dal primo cretino che vedono vestito come un coglione?
      I cani non possono fare questo discernimento capire che in quel momento sono in expo e quindi starsene buoni.
      Un Cane Corso Tradizionale potrebbe banche accettare sotto il suo Padrone di fare avvicinare il Giudice, Forse anche a meno di 1 metro, ma se questo provasse a aprirgli la Bocca gli staccherebbe una mano E scusatemi farebbe anche bene.

    • #45784
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Cainos e grazie per il benvenuto, spesso ci capita di aver a che fare con la nostra certezza istintiva di saper scegliere un cane, da quando sono nato il cane è stato sempre presente nella mia vita. Ho chiesto un vostro giudizio perchè avevo già capito girando per il web che il corso viaggia su due binarii diversi, uno dei quali ENCI che da quel che leggo molto criticato in quanto presenta uno standard che non piace ai cultori del corso “tradizionale” sempre che ne sia rimasta traccia, ho serii dubbi al riguardo. Naturalmente si preferisce accostarlo più al mastino napoletano, vuoi per la sua millenaria storia e per le sue origini di molosso italico. Ma dico io non si poteva combattere prima una battaglia per avere un cane riconosciuto da tutti nello standard, avrebbe fatto bene alla razza che sarebbe stata universalmente riconosciuta come CANE CORSO ITALIANO.
      A parte questa perplessità, hai perfettamente ragione sul M. Napoletano, personalmente anni fà ho acquistato a Torino per la modica cifra di 3 milioni un Bull Dog inglese, uno scempio della natura e degli allevatori, 1000 problemi di salute e niente di quello che erano i suoi avi, dopo sei anni è morto mezzo cieco con un arresto cardiorespiratorio.
      La mia delusione… aver scelto un cane da expo, nonostante la mia presunta conoscenza d’istinto di cani, le belle statuine non piacciono neanche a me, cani nati per posare e fare alcuni giri di ring, no. Il cane mi serve per svolgere un compito. Riguardo alla guardia mi riferivo al comportamento con me presente, quando ci sono io comando io, e tu intervieni solo se IO te lo chiedo. Quando arriva il corriere lui è aggressivo e nonostante io gli dica di stare buono lui non ne vuol sentire, pelo rizzato e attento, e se e capitato che ha cercato di accarezzarlo prontamente ha schivato la carezza e ha ripreso ad abbaiare. Personalmente penso che il carattere ci sia, poi è anche vero che ha solo sei mesi quindi c’è da aspettare un pò. E ancora, quando è alla catena e arrivano le mie sorelle o mio cognato , quasi tutti i giorni, lui inizia ad abbaiare tanto che ho detto alle mie sorelle di chiamarlo e farsi sentire per voce, solo allora si calma e li lascia avvicinare. Fido nel mio istinto e aspetterò che cresca, intanto lo tiro su fisicamente e pèoi ti farò sapere.
      Permettetemi un pò di ironia, secondo voi se Bheetoven o Verdi fossero nati nel Burundi sarebbero diventati ciò che sono? Gli stimoli, il contesto e ciò con cui ci si relaziona formano carattere e attitudini, indipendentemente dalle doti innate che si hanno nel proprio bagalio genetico.
      Grazie Maurizio

    • #45785
      Mattia
      Partecipante

      Maurizio, nessuno ha la presunzione di sapere se il tuo cane sarà un buon guardiano, quello lo vedremo solo col tempo, se a sei mesi si comporta così è sulla buona strada.

      Ho visto personalmente dei dobermann fifoni, così come dei meticcioni con carattere che la guardia la facevano eccome, quindi tiralo su al meglio socializzandolo coi membri della famiglia e goditi il tuo cagnone.

      Il bagaglio genetico però è fondamentale, se quello c’è lo puoi ottimizzare ma se manca sono cazzi…se prendi un brocco e lo fai vivere come Beethoven rimane un brocco, punto.

    • #45786
      Anonimo
      Inattivo

      In effetti hai ragione, grazie Mattia.

    • #45787
      cainos
      Moderatore

      Il tuo Cucciolo età dando una ottima dimostrazione di carattere, e il fatto che nonostante ci sia tu continua a inveire verso il Corriere è cosa Buona.
      Denota Carattere, se vuoi smussalo ma secondo me è un Dono sintomo di Territorialità e con quella ci Nasci non la si può insegnare contrariamente alla difesa.
      Ottimo Rimaniamo aggiornati sulla crescita del Piccolo ma credo che ne vedremo delle Belle.

      Riguardo al discorso sulla selezione del Corso posso dirti solo 2 cose.

      1) il corso non veniva abbinato al MAstnino Napoletano Inizialmente erano proprio il medesimo Cane.
      2) che abbiano seguito questa strada è stato puro interesse secondo me.
      Allevatori del nord scesi al sud a prendere cani per un pezzo di Pane e formaggio e poi incrociati con i cani che possedevano loro in moda al momento.
      Probabilmente essendo in molti ad avere soggetti con leggera prognata o prognati Si è Pensato bene (Sarcasmo) di fare l’ interesse dell Uomo e non quello del Cane.
      Fortunatamente allevamenti che con fatica hanno mantenuto le antiche linee di sangue ci sono ancora e anzi sembra proprio che piano piano stiano prendendo sempre più piede Fuori dalle Esposizioni.
      Che la gente forse si sia rotta le palle di avere Mucche Spaventate che amano stare solo sul divano?
      MAgari.

    • #45790
      Anonimo
      Inattivo

      Grazie per l’incoraggiamento Cainos, in alcuni frangenti espongo le mie perplessità sulle origini e su ciò che è oggi, ma consentitemelo ho voluto un molosso tipicamente italiano, e quindi mi sembra inusuale vedere “due razze con lo stesso nome”. Pazienza, come sempre questone di interessi, burocrazia infarinata spesso da incompetenza a discapito del cane spesso ‘ snaturato ‘. Con i Tedeschi sta roba qui non accade, sanno quel che vogliono e ci arrivano senza compromessi.
      Mi trovi d’accordo sui cani, corso o no che sia, portati a casa per colmare qualche vuoto. Allora li vedi sui letti, divani, e arrampicarsi sul tavolo quando si mangia, troppa umanizzazione dell’animale che infine si trova anche inadeguato e confuso nella sua natura. Mi piacerebbe aprire un’altra discussione su ” Secondo voi il cane e diventato moderno come lo siamo diventati noi?” Segue di pari passo la nostra evoluzione. Personalmente penso di si, se solo ricordo i cani di 30 anni fa, non vedo più gli stessi istinti. Un saluto Maurizio

    • #45791
      Anonimo
      Inattivo

      Dimenticavo, io sono calabrese e vivo qui, mia moglie è pugliese della provincia di bat,appena ci recheremo in puglia voglio fare un giro per gli allevamenti.
      È da lì che si è ripartiti per il recupero della razza, giusto?
      Riciao Maurizio

    • #45792
      cainos
      Moderatore

      Su questo ti risponde meglio Valerio. (intendo da dove si è ripartiti)

      Per il Discorso Cane moderno, io mi sento un po’ combattuto, ovvero si al momento ricerco un Cane che faccia il Cane, ma deve essere anche gestito in un certo modo vissuto in un certo modo.
      Me lo posso solo permettere perché ne ho 2 che ho ampiamente umanizzato lo ammetto, ma non potrei vivere senza di loro…. insomma da un punto predico bene e razzolo male.

      Indubbio che il Cane oggi sia visto i maniera differente, e non so quanto male ci sia.
      Avessi un figlio mi piacerebbe che venisse su con uno di questi Cani Da divano Grossi spaventosi se vogliamo ma buoni.
      Sopratutto i molossi Ti leggono dentro.
      Io lo vedo con mia Moglie.
      Rondra la mia Corso, non ha attitudini particolari, ne per la guardia (assolutamente massimo un avvertitore) ne per la Difesa ( ma su quello ci lavorerò) In compenso se vede un Cane lo Sbrana (a parte il JAck Russel) in pratica mi ritrovo per casa un Amstaff.

      Indubbiamente Bella Di viso e di Pelo ma poco Funzionale….. Funzionale già….
      MA a cosa mi serve?
      Quante volte mi capiterà nella vita che mi entrino i Ladri in casa o che mi aggrediscono (o meglio che Aggrediscano mia moglie che comunque quando esce per il lavoro il cane dietro non ce l’ ha e se esce per divertimento esce con me)
      Quindi quante volte effettivamente? forse mai.

      MA quante scene di vita Ordinaria vive invece mia Moglie con Rondra (la mia Corso)

      Mia Moglie a volte si deprime a causa della morte di Suo Padre, Ogni tanto capita, basta una canzone o un pensiero che passa, o la semplice giornata sbagliata.
      Eppure sembra Che Rondra le legga dentro ed ecco che LE si avvicina come a consolarla, in silenzio discreta delicata mentre 5 minuti prima faceva il diavlo a 4 da cucciolona quale è.

      O altre volte le strappa direttamente un sorriso Portandole una Pallina come per dire non piangere gioca con me o Cerca di attirare la sua attenzione.

      Io tornando a casa e vedendo prima Rondra so già di che umore è mia moglie.

      Anche questa è una funzione Forse più utile di quella che ricercavo e da questo punto di vista devo dire gran cane.

      Forse oggi le persone hanno più bisogno di queste cose?

    • #45794
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao a tutti , anticamente (è una cosa gia discussa ma cosi ci rinfreschiamo la memoria e diamo una mano a Maurizio) e parlo degli ani 40-50 non esisteva il Mastino Napoletano, esisteva solo il cane corso, che tale veniva chiamato nella zona molisana umbra e pugliese(Luccania) mentre nel Napoletano veniva chiamato cane da presa, ma il cane era sempre quello, cioè il discendente del Pugnax Romano,e si era mantenuto nel Sud Italia invece che nel Nord semplicemente perche i Borboni lo avevano tenuto nelle loro masserie come cane da utilità.Quando nella fine degli anni 50 alcuni appassionati incominciarono a selezionare il cane da presa Napoletano per selezionare una razza nuova capeggiati dal grande cinofilo Scanziani, fecero come si è fatto con il cane corso decenni dopo , partendo dall’allora Guaglione poderoso cane corso da presa napoletano, incominciarono a selezionarlo per avere questi famosi Mastini, naturalmente per distinguerlo dal cane corso gli cambiarono il nome in Mastino napoletano, cosi L’ENCI aveva una nuova razza da vendere al pubblico, naturalmente andarono verso un ipertipo sfrenato per avere cani sempre più grossi e pesanti, per poi arrivare all’odierno Mastino che è talmente lasso e pieno di pelli che non riesce neanche a riprodursi da solo(si riproduce solo con inseminazione artificiale), Pure il nome hanno sbagliato perche i Mastini sono i cani da guardiania, il Napoletano è un molosso, e avrebbero dovuto chiamarlo Molosso Napoletano, stessa cosa fecero con il Cane corso che per distinguerlo dal Mastino Napoletano dato che erano lo stesso cane si inventarono la chiusura dentale prognata,e naturalmente gli allevatori per vincere subito e facile accoppiarono i cani con Boxer e Bul-mastif, ma questa è gia storia passata e staraccontata , oggi la frattura fra i cani da expo e i veri cani corsi tradizionali è sempre più larga, anche se devo dire che ultimamente molti allevatori da expo infilano cani tradizionali nelle loro linee di sangue , cosi capita che in una stessa cucciolata di avere cani prognati e altri ortognati, aumentando ancora di più la confusione a coloro che si avvicinano alla razza per la prima volta ,un vero cane corso tradizionale deve essere un guardiano della proprietà impavido e risoluto, ma anche straordinariamente controllabile e gestibile,e questo lo si ottiene solo con una selezione sulla funzione,cosa sempre piu difficile in questo momento dove ci sono un sacco di marpioni che spacciandosi per Guru dell’allevamento, immettono sul mercato di tutto e di più, ecco il perche io insisto(forse troppo a volte e rischio di essere pedante) sulle buone linee di sangue, perche quando ti sei portato a casa un animale con le caratteristiche vere , non hai buttato via il denaro, e sopratutto hai un cane come tu lo volevi , ciao Valerio

    • #45797
      Anonimo
      Inattivo

      Grazie Valerio, c’è sempre qualcosa di nuovo da sapere, infatti ero certo che il M.N. fosse una razza a sé e il corso tutt’altra cosa. Del mastino nap. ne conoscevo solo uno di proprietà del figlio di un boss locale +, trent’anni fa. E poi per via di una commedia di De Filippo, Il sindaco di rione sanità, dove mi rimase impresso un frangente: masianello il m.n. morde la moglie di Eduardo capomafia; che era andata a prendere le uova nel pollaio.il figlio vuole uccidere il cane ma Eduardo con tono fermo dice il cane non si tocca perché è il Mio cane. Poi dice alla moglie, tu sai che sei il core mio, la ferita che hai me la sento nel cuore, ma sai anche che non è compito tuo andare a prendere le uova nel pollaio ma del fattore. Masianello non può morire perché ha fatto il suo dovere, rivolto al figlio.
      E che centra ora questo vi chiederete? Solo una divagazione fuori tema.
      Come sempre noi sbagliamo e a pagare sono sempre loro.
      Scusate il fuoritema Maurizio

    • #45798
      Anonimo
      Inattivo

      Nel mondo del mastino napoletano qualcosa si sta muovendo in quando i mastinari hanno capito che erano in un vicolo cieco per le troppe tare genetiche a cui il mastino andava incontro…..vedremo quali saranno gli sviluppi futuri! Di certo una cane da presa per non andare tanto lontano nei primi anni 80 era ancora un cane in salute,tosto ed a volte devastante (un mio parente ne aveva uno ed era davvero il cane dei miei sogni).
      Certo anche il cugino cane corso,variante leggera del mastino,non aveva da invidiare nulla in quanto a carattere anzi oserei dire più polifunzionale,tutt’ora tornando giù in puglia si ascoltano racconti di cane corso impavidi e difficilmente avvicinabili…ma si parla di un contesto rurale che al giorno d’oggi non ha ragione di esistere o quanto meno in parte . Oggi un corso deve vivere in città possibilmente evitando di sbranare il primo che capita,ma però non deve perdere tutto ciò che è distintivo della razza:coraggio,funzionalità e quant’altro…difficilmente riscontrabile in un cane da expo!
      Certo la selezione moderna ha addolcito tantissimo le sue caratteristiche proprio grazie ai meticciamenti che ti hanno detto prima e davvero si fa fatica a vedere un corso di oggi così com’è, x fortuna che ci sono allevatori che allevano non x l’Expo,cullandosi sugli allori dei titoli da campione,ma sul carattere e funzionalità .
      Certo in calabria,terra delle tue origini,mi risultano che sia una terra in cui il corso era presente ma non so dirti a livello di linee di sangue la loro bontà,tua moglie invece viene dalla neonata prov.Bat non lontana dalla mia,il foggiano,dove di sicuro il corso era ed è parte integrante delle masserie ed in alcuni casi collaboratore ancora di massari ed allevatore di bovini. Di sicuro se girerai un Po nelle nostre zone troverai allevatori che di fatto sono nati con i cane corso tra le mani,il mio ad esempio già negl’anni 60 aveva la sua prima femmina di proprietà che derivava dai cani di suo padre e prima ancora di suo nonno ,sia ben chiaro nel bene e nel male,ma che ti sapranno raccontare ognuno di loro la propria storia sul cane corso, anche perché ad esempio troverai che la linea di sangue si identificava nella famiglia a cui appartenevano. Certo anche i vecchi massari di errori ne hanno commessi sopratutto per non aver selezionato per salvaguardare la razza cedendo i cani al primo del Nord che capitava (che di corsi non ne capivano nulla, ma che hanno nasato l’affare nel fare una razza nuova ma che nuova non era… ) con relativi e successivi misfatti;non sono nessuno per dirlo ma qualche scelta diversa forse io personalmente l’avrei fatta.
      Quindi Maurizio fatti un giro tra la provincia di tua moglie e la mia è vedrai che conoscerai realtà con storie passate e presenti seppur non tutte andate a lieto fine!

      Ps:sententovi parlare su ciò che deve o non deve fare il corso a casa o fuori casa in un terreno a me sono nate delle considerazioni su ciò che è king adesso a 15 mesi;come avrai ben capito è un cane preso in puglia ed adesso è un cane che è un patatone con la famiglia è su chi ha frequentato la casa da quando lui era cucciolo, ma con gli estranei toglitelo dalla testa un corso deve fare il corso non si deve fare avvinare da nessuno ed in presenza del padrone deve essere protettivo sia nei suoi riguardi che della famiglia nonché della proprietà ,ogni deviazione di ciò oserei dire che non è un buon corso.

    • #45800
      Marco_CCT
      Partecipante

      Ciao Maurizio ti do il benvenuto anche io. Vorrei solo intervenire sul discorso del cane moderno.
      Il corso tradizionale è un cane polifunzionale in quanto esegue egregiamente più funzioni, perché e da 2000 anni che l’uomo e la natura lo hanno selezionato per svolgere al meglio diversi compiti, al fianco dell’uomo (e questi compiti l’hanno forgiato così com’è morfologicamente).
      Nella storia recente il Corso tradizionale era usato dai macellai e veniva chiamato anche cane da macellaio, dai caprai (cane da capraio), come cane da caccia grossa (e veniva chiamato anche dogo), cane da pagliaio… e ovviamente come cane da guardia e da difesa. Valerio ha già spiegato ampiamente più volte queste cose infatti arrivo al punto…
      E’ assolutamente vero che queste funzioni non vengono più richieste (o quasi) al Corso (non parlo della guardia e della difesa ovviamente), ma non allevare sulla funzione vuol dire buttar via un bagaglio genetico antichissimo. Allevare su ciò che più piace a noi umani (e non sulla funzione) vuol dire alla lunga far scomparire una razza che ha sangue millenario in questo caso.
      Esistono ancora esemplari con sangue antichissimo, grazie a persone che hanno saputo conservarlo, perché lo hanno utilizzato per lavoro.
      Riguardo al tuo quando cresce si vedrà come si comporta alla guardia, ciao
      Marco

    • #45801
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao King, mia moglie è di Canosa farò la 98 e verrò a dare un’occhiata anche lì. Contesto rurale…. io vivo in un contesto rurale non per lavoro ma per dimora. Buio totale la sera a meno ché non ci sia la luna, 6000 mq di terreno purtroppo non recintato (indisponibilità di € in questo momento). Il cane deve svolgere un compito expo o tradizionale ti assicuro che lo farà, è sulla strada giusta per la mia esperienza cinofila vedo qualità caratteriali. Anche se, collegandomi a ciò che dice Cainos -quante volte un cane si troverà realmente ad affrontare una situazione estrema nella sua vita? A volte mai, e quando lo farà a farne le spese saranno il postino di turno o l’omino dell’enel o il testimone di geova. Poveracci, senza contare le conseguenze giuridico legali e il viaggio di andata senza ritorno del nostro corso. Amiamo il nostro cane o prevale la nostra vanità di avere il terribbile indomito corso? Dalle mie parti quando i delinquenti vogliono invadere la tua proprietà la studiano almeno una settimana. Conoscono le tue abitudini, sono a conoscenza del cane e ben che vada lo avvelenano mal che vada gli piazzano una pallottola in testa…e ritorno alla mia tesi che poi era anche quella dei massari delle puglie: il cane alla catena per abbaiare ed avvisare di un pericolo un intruso e per darmi il tempo di organizzarmi….. poi posso decidere anche di liberare il cane e dovrà essere coraggioso e mostrare tutto il suo carattere nel lanciarsi verso ciò che lo ha allertato.Naturalmente questa è una situazione notturna da campagna ,buio pesto. Di giorno non penso che necessita tutto sto baccano. La volpe mi ha fatto fuori già due galline ornamentali, ho teso la trappola se la becco vediamo come si comporta il mio expo. D’altra parte nelle masserie il corso non stava libero ma alla catena fuori dalle stalle e il suo compito era soprattutto da deterrente.
      Sera Maurizio
      Maurizio

    • #45802
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Marco, e colgo l’occasione per ringraziare te e tutti coloro che mi hanno dato la possibilità di addentrarmi nell’anima di qusta razza per certi aspetti con non poche controversie. A volte scrivo cose forse per stuzzicare il vostro sapere al riguardo così mettendo insieme tasseli presi dalle vostre risposte mi appare un quadro sempre più concreto. Ciò non toglie, sempre nel rispetto delle altrui convinzioni, che rivolgo interrogativi sulla concezione di cane. Osservo spesso che ormai i cani non inseguono più i gatti, dal veterinario per quel poco che ci vado vedo cose che da una parte mi fanno sorridere dall’altra mi fanno riflettere, pulizia dentale?!!,aerosol?!!radiografie,ecografie,psicoterapia canina ecc. ecc. Ormai gli diamo da mangiare le migliori…granaglie o intestinal o renal o fegatox o gravidax; collari, pettorine, cappotttino, poltroncina e chi più ne ha pi ne metta. Stiamo snaturando il cane? Oppure è il cane moderno? E ancora prendiamo un cane per compagnia o per utilità? E se a qualcuno viene in mente i continui articoli di aggressione dei pitbull e a seguire la campagna pro pit “Ci sono cattivi padroni non cattivi cani”. Oggi dalle mie parti il pit è di moda lo vedi in mano a tutti ragazzini, bulletti, signorine, vecchietti. Ma non era un cane estremo e mordace??? Le mode, rovinano anche i cani con il benemerito consenso degl’allevatori, a ricordo… rin tintin, oggi rex.. fu il mito del pastore tedesco, così insanguato che alla fine lo resero displasico quando ancora non si sapeva neanche cosa fosse la displasia; la banda dei doberman, e fu la moda dei doberman, poi toccò al rotwailer e poi al golden e poi al pit e leggo da qualche parte che gli americani adesso cercano di tirare fuori l’americancorso..
      Il mio vissuto cinofilo ha altre origini nulla a che fare con le mode ma molto con il CANE per ciò che è e per ciò che è stato sempre, un gregario dell’uomo.

    • #45803
      Mattia
      Partecipante

      Gli americani lasciali perdere, essendo un popolo che non ha una storia nè una cultura antica non riescono a concepire la conservazione, rovinano qualsiasi razza rendendola semplicemente “più grande” perchè bigger is better!
      Basta vedere i meticci che creano, prendono un amstaff e lo incrociano con una femmina di Bullmastiff, credendo di ottenere un amstaff più grosso ma un cane non è come fare una torta, non basta mischiate gli ingredienti, difatti i cosiddetti “bandog’ sono cani dal carattere instabile.

      Se fosse così semplice tutti potrebbero allevare cani da guardia efficaci, basterebbe prendere chessò una femmina di Cane Corso e farla coprire da un Pastore Dell’Asia Centrale di quelli tradizionali…invece si otterrebbero cuccioli molto diversi tra loro e dal carattere imprevedibile, potenzialmente pericolosi.

      P.S Maurizio, se posso permettermi ( poi magari mi dici di farmi i fatti miei) io toglierei la trappola per la volpe, capisco che ti danneggia se mangia le galline ma ad oggi è un predatore troppo utile all’ecosistema perchè elimina ratti, nutrie ed una serie di animali infestanti, piuttosto rinforza il pollaio ed elimina le fessure, è una soluzione più efficcace!?
      Ricordo mio nonno cacciatore che le volpi non le ha mai toccate, quando gli mangiarono le galline mise il suo cane migliore con la cuccia vicina al pollaio e di notte chiudeva dentro le galline, perchè diceva che “se la volpe lo aveva fregato era colpa sua, non della volpe.”

    • #45805
      Anonimo
      Inattivo

      Ah ah ah…. Mattia hai ragione metterò la cuccia del jack vicino al pollaio, e vedrò di chiudere il buco… da noi le volpi sono in sovrappiù, non hanno predatori naturali, come anche i cinghiali che a volte fanno danni da non poco. Scusami ma per certi aspetti sono un po’ rude ,cinico e non vado troppo per il sottile…
      Ciao Maurizio

    • #45806
      Anonimo
      Inattivo

      Concordo con te Maurizio che in un terreno un corso sciolto potrebbe essere tranquillamente neutralizzato da un boccone o da una pistolettata,infatti il mio lo tengo al piano terra in casa (ho una casa a schiera piccola) e credo King abbia più chance per neutralizzare un’eventuale intruso,ma spero di non trovarmi mai in una situazione simile è spiacevole.
      Tornato al vero carattere del cane corso Maurizio un cane da expo ha caratteristiche più addolcite rispetto ad uno non da expo proprio perché se dovrai fare un’esposizione canina dovrai avere per forza di cose un cane docile che possa convivere sul ring con altri cani o meglio con altri maschi…cosa che ad esempio con il mio non potrei fare perché tenterebbe di sicuro di andare in competizione con il maschio affianco. Poi il postino di turno o il tipo dell’Enel potrebbe comunque rischiare con un cane da expo perché viene invaso il suo territorio,ma dal punto prestazionale puro credo non vi siano paragoni.
      Quando tornai questa estate giù in ferie un tipo si voleva avvicinare per vedere il mio King avvicinandosi,manco a dirlo lui lo si voleva divorare ..lui ci rimase molto male anche perché aveva un cane corso più o meno coetaneo al mio ma preso da un’allevamento sempre della mia città ma che faceva esposizioni,il proprietario dell ‘allevsmento in questione è anche giudice di razza per intenderci,e mi disse “ma un cane come il tuo non è un cane da prendere e dovrebbe solo stare in una masseria!”. Questa storia la riporto non per dire che il corso “giusto “deve essere necessariamente come il mio o come altri utenti in questo forum,ma lo riporto solo per far capire a quale corso rivolgersi in base alle funzioni a cui si aspira. La storia non si cancella ma il presente ed i! Futuro lo si può condizionare facendo scelte che la Saac e di conseguenza l’Enci hanno fatto,certo io La rispetto ma non la condivido!
      Il mio allevatore,visto che si faceva riferimento ai massari pugliesi,era un’allevatore di bovini che aveva cani volti alla gestione delle mandrie e ti assicuro che erano tutti cani liberi e non tenuti alla catena proprio perché avevano un compito da svolgere,e la loro forza e tenacia non erano di sicuro frutto della catena ma di ciò che era scritto nel proprio codice genetico che la storia presente e futura non potrà mai cancellare.
      Ps:l’allevatore/giudice che ti dicevo prima,ho scoperto nel tempo,ha pure dei cani rustici e sono dei cani cazzuti di tutto rispetto ma se vai a vedere il suo allevamento ti fanno vedere il campione Enci pluridecorato…

    • #45810
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao King, per dirla tutta, come da premessa quando sono entrato nel forum, il mio cane expo -ma per me corso- è stato acquistato qui in calabria non da allevamento ma da un privato che ha i suoi cani in una tenuta, un frutteto per l’esattezza. E’ stato così gentile da incontrarci a metà strada e mia ha portato i 4 cuccioli di 2 mesi e mezzo tutti maschi, due tigrati un fulvo e uno tigrato ma tendente di più sul nero. Il mio fiuto e occhio cinofilo -poi e tutt’altra cosa se ho un buon fiuto o occhio- mi ha portato dopo n’attenta valutazione a scegliere ciò che ora ho, Boris. Non ho pedigree e non mi interessa più di tanto; l’ho pagato due soldi e questo mi interessa di più visto le astronomiche cifre spese negl’anni passati e non sempre ho portato a casa cuccioli eccezionali; l’unica cosa che ho controllato a parte la buona struttura morfologica è stata la chiusura che era perfettamente a tenaglia in seguito al cambio dei denti si è rivelata prognata e avevo letto da qualche parte che non è da incoraggiare, ma è andata così e bene, non tutti i mali vengono per nuocere, a parte che non potrà spulciarsi per il resto non ho dubbi sulla bontà e potenza di una chiusura leggermente prognata, d’altronde quando i cani che ho avuto hanno azzannato qualcosa non hanno mai pizzicato ma hanno PRESO a bocca piena. Poi forse sono stato frainteso, la catena non la intendo come mezzo per incattivire il cane, si sà che si esauriscono e quindi s’incazzano perchè tenuti legati giorno e notte. I miei cani stanno delle ore anche alla catena ma il resto è frutto di istinto e stimoli che gli somministro io. Riguardo hai cani mandriani, l’ultimo che mi è morto era un bestione incrocio maremmano,spettacolare perchè aveva un’area più ampia di territorio che lui riteneva suo e bastava che avvistasse qualcuno a distanaza anche di un chilometro che iniziava ad abbaiare, attenzione non ti avvicinare troppo. I corsi svolgevano un lavoro non dissimile ma ti assicuro che la notte dormivano nell’atrio della stalla attaccati alla catena.
      Poi come già ho detto mi dispiace e non poco, questa dicotomia all’interno della Razza Cane Corso, non fà bene comunque al Cane Corso; la cazzata è stata fatta, e ora si crea una nicchia di cane corso tradizionale o rustico che si voglia dire. Ma a questo punto non sarebbe conveniente creare un nuovo standard -DOGO PUGLIESE- in modo di mettere fine a questo parallelismo che in ogni caso và su due diversi binari??
      Riguardo al ring, il tuo King sicuramente attaccherebbe briga con qualche altro maschio; io ho un cazzo di problema diverso(scusatemi il termine da sfogo) il mio è intollerante verso tutti i cani che non sia il jack con il quale convive ma che si è beccato un paio di volte la rabbiosa reazione durante il gioco; e mi chiedo quando inizieranno a circolare gli ormoni che spesso nel valutare un cane si trascura questo particolare, se non volesse il jack nel suo territorio??? Questo è uno spigolo che dovrò smussare.
      Concludo dicendo che ho inserito elementi provocatori (nel semso buono) per una riflessione
      sul cane corso. Mi piacerebbe se leggendo lo standard di razza troverei un trafiletto: SONO CONTEMPLATI SOGGETTI DI CARATTERE SPICCATO MA CHE PER LA LORO AGGRESSIVITA’ NON POSSONO ESSERE VALUTATI SUL RING, E DA SQUALIFICA QUALSIASI FORMA DI CHIUSURA CHE NON SIA ORTOGNATA ECC..
      ho scritto tanto mi prendo una siesta, bello anche il perro canario….
      invio una foto della siesta se riesco
      Ciao Maurizio

    • #45812
      Mattia
      Partecipante

      Maurizio ma sinceramente hai un bel cane, sbattitene i maroni se progna un pochino, le cose importanti sono altre come dicevamo no?
      Sai quanti ho dovuto fermare letteralmente perchè quando vado in centro con Lamar allungano la mano per toccarlo?Senza prima chiedere ovviamente!
      Di recente l’ho portato fuori con museruola per abituarlo (museruola a cestello in cuoio fatta apposta) e alcuni che chiedevano “ma perchè poverino?”
      Ero tentato di rispondere” perchè è pieno di imbecilli come te che appena vedono un molosso di 50 kg vogliono toccarlo sulla testa!”
      Siamo messi così…

    • #45813
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Mattia, cerca di capire che non discuto tanto il fatto che il cane sia bello o meno, come ben sai per ogni padrone il suo cane è il più bello il più cazzuto e intelligente del mondo; dipende quali di queste qualità ricerchiamo. Ci che mi fa girare i maroni è che infine è stata fatta passare per ENCI, uno standard che ha poco a che fare con l’originale razza, e ci ritroviamo un mome due razze. Quando ti piace una razza la prima cosa che fai spulci lo standard ENCI Per avere dei riferimenti. Le solite nostre italianate. Sono stato sempre appassionato dei molossi per il loro carattere e per il tipo di azione che portano in offesa, ti capisco quando dici andare in giro con la museruola, lo stesso impegno me lo dava lo schnauzer, ma altra razza altra storia,cane nevrile. E torno a dire, quanti di voi hanno realmente assistito all’attacco di un cane bello tosto verso una persona, sfido il più calmo e risoluto di voi a mantenere la calma con sangue a fiotti un cane che non molla,urla,latrati, le gambe che sembra che non ti sorreggono, adrenalina a mille e cuore in gola. E quando riuscirete a staccare il cane e realizzi cosa è accaduto non sai se piangere o sparire da quel luogo. Epilogo, il proprietario è responsabile in toto per le azioni del cane e ne risponde da un punto di vista civile e penale. Soppressione del cane ritenuto instabile ed aggressivo; denuncia per lesioni aggravate se non ci scappa il tentato omicidio, dipende dalle circostanze, risarcimento di spese processuali e lesioni permanenti e se và propio male invalidanti. Magari dovete vendervi casa dopo trent’anni di mutuo appena finito di pagare. Ho inniettato una buona dose di angoscia…. ahahahah scherzo ho riportato solo una situazione limite. MA ACCAD…..
      Carattere si d’accordo ma INCANALATO NELLA GIUSTA DIREZIONE e non siate sempre sicuri di poter gestire le situazioni tutti abbiamo dei limiti e che non ne siamo consapevoli.
      Maurizio

    • #45815
      Anonimo
      Inattivo

      Sia ben chiaro Maurizio che la tua voglia,che è anche la mia,di sapere di più del mondo del cane corso non fa altro che arricchire le proprie conoscenze al riguardo è non c’è posto come questo dove si può disquisire sulle varie sfumature che ruotano intorno al cane corso.
      Non so se ricordo male ti sei accostato al mondo del cane corso con il tuo Cucciolo, ma da quello che leggo hai tanta esperienza con altre razze,ma la domanda che ti pongo col senno del poi propenderesti ad un corso inboxerato oppure ad uno più tradizionale? Fermo restando che ogni scelta è prettamente personale e di conseguenza deve essere rispettata,te lo dice uno che non ha di sicuro un cane non inboxerato ma che ha dei difetti evidenti ,quindi il mio non è un cane perfetto però ogni scarrafone è bello a mamma sua!
      A scanso di equivoci quando si parla di differenze caratteriali nonché morfologiche tra le due tipologie lo si fa solo a scopo disquisitivo senza entrare nel merito delle scelte personali.
      Sul discorso catena non tutte le realtà sono uguali come ti dicevo in precedenza,in ultimo fare una terza variante di corso a me non dispiacerebbe ma chi ha interessi commerciali,che hanno spinto l’attuale standard di razza,non credo che molleranno lo scettro della riscoperta dell’acqua calda “il cane corso”…
      Sai noi del sud,te lo dico tanto per parlare,siamo gente poco lungimirante in quanto oltre alla razza ci facciamo fregare pure i nomi usati da alcuni allevamenti o dati a un cane della famosa riscoperta, che riconducono ad un area geografica ben specifica della Puglia,vedi il termine ” dauno,dei dauni “,molti non sanno manco cosa vuol dire daunia e relativi dauni il popolo che la abitava ,ma questa è un altra storia…
      Dimenticavo ,pure io non sono un nababbo ed ho dato pochi quattrini ma davvero pochi per prendere king,però difetti a parte ne sono felice come vedo che anche te lo sei del tuo è spero te lo possa godere a pieno e 6 mesi son pochi immagino per trarre subito delle somme,ne ha di tempo davanti.
      Maurizio con affetto Antonio

    • #45818
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Antonio, Dauni antica popolazione della puglia, forse zona Bisceglie???
      Il prossimo corso rigorosamente tradizionale e lo chiamerò Eraclio, magari mi viene fuori un bel gigante e lo tiro su con salsicce di cavallo.
      In questo momento sto sgranocchiando dei tarallucci con finocchietto e altri de gren iars… in quale parte d’Italia ti trovi?
      Sono d’accordo con te non c’è cosa più bella dello scambio di opinioni e confronto anche acceso,
      Sempre nel rispetto delle proprie e altrui convinzioni.

    • #45819
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao maurizio,io vivo a Parma da 26 anni e i tarallucci col finocchietto mi fanno davvero gola…la daunia era la zona settentrionale della puglia che corrisponde all’attuale prov. di Foggia(Gargano compreso) ma che si estendeva anche a tutto il tavoliere delle Puglie ,Bisceglie compreso.
      Chi ha sponsorizzato la rinascita del corso lo ha fatto in modo mirato con un marketing di tutto rispetto a mio avviso,collocando non solo a livello di nomea alla Puglia ma anche distinguendolo dal mastino napoletano nella chiusura dentaria introducendo il prognatismo nel corso rispetto al mastino che chiude sia a forbice che a tenaglia e che come ti diceva Valerio una volta erano lo stesso cane.
      Addirittura nelle stesse cucciolate, è cosa risaputa e dibattuto in questo forum ,nascevano le due tipologie di molosso una leggera(l’attuale cane corso) ed una più pesante (mastino napoletano o meglio o can e presa).
      Adesso però goditi il tuo cucciolone ed in futuro avrai altri elementi per scegliere.
      Visto la tua esperienza con altre razze vorrei chiederti qualcosa al riguardo del morso prognato,magari scatenando nel forum una diatriba tra le due tipologie di chiusura .Dicevi che ti risulta comunque un morso potente in quando comunque il cane tende a dare un morso pieno,ero convinto che avesse una presa sfavorevole rispetto alla chiusura a forbice o a tenaglia.

    • #45820
      Anonimo
      Inattivo

      Ci provo, ma potrei dire fesserie.
      Fatta la premessa l’argomento prende in considerazione più fattori: ossa, muscoli, legamenti e leve. Ossa e leve; la forma delle ossa nel caso della prognatura presenta nel suo ultimo terzo una leggera curvatura verso l’alto, ora c’è da chiedersi, nel caso di una leva,forza.fulcro.resistenza, considerando il morso di almeno 10 cm. di diametro minimo, eserciterà meno forza una leva dritta o curva? Fermo restando che il fine è quello di stringere o bloccare la leva in una posizione. Ora prendiamo in esame i muscoli, i legamenti naturalmente hanno il compito di mantenere i capi articolari in sede, l’insieme di questo studio si definisce biomeccanica. Ritorniamo ai muscoli in particolare il massetere, che ha la funzione principale nella masticazione. La sua azione in genere è quella di fissarsi alla parte laterale del cranio e portare su la mandibola. I muscoli sono composti in genere da due tipi di fibre, bianca=veloce e rossa=resistenza. Se prevale la bianca abbiamo il centometrista, ma nei molossi prevale la rossa di sicuro(supposizione mia). Nel morso una fondamentale caratteristica sta nella forza e tenuta dello stesso, il tipo di contrazione è isometrica, cioè il muscolo si contrae fino ad un certo punto e mantiene quella lunghezza per tutta la durata del tempo. Tale contrazione naturalmente consuma energia ad un certo punto debe necessariamente cedere perché subentrano i “crampi”che in realta non è altro che la fine dell’energia necessaria al muscolo per continuare ad esercitare forza.
      Ora se dovete tagliare un fil di ferro di qualche millimetro, cosa vi facilita di più a parità di leva, un becco dritto o ricurvo tipo le tenaglie?
      Molti anni fa ero affascinato dal bulldog inglese, ne acquistai uno “un salasso” , prognato deturpante direbbero alcuni, ma sembrerebbe che quando afferrava il toro per il naso tale presa si bloccava e anche se il cane voleva liberarsene non poteva, cosi lo fecero robustissimo sull’anteriore e molto leggero sul posteriore così che il toro quando iniziava a scuoterlo non poteva spezzargli la colonna vert., naso all’insù affinché potesse respirare senza che il sangue o pelo dell’animale interferisse, rughe accentuatissime(puzzano da morire) che avevano la funzione di far defluire il sangu, e una sorta di menbrana oculare che serviva a pulire gl’ochi dal sangue. Questo era ma non è più perche estremizzato dagl’allevatori.
      Gli Inglesi sono scommettitori nel sangue, e avevano costruito qualcosa cheli facesse divertire.
      Questa è la mia tesi che non mette in discussione il morso del lupo o di tutti i cani ortognati ma non sottovaluto la funzionalità di un morso prognato.

    • #45821
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Maurizio,ti ringrazio per la risposta esaustiva e non a caso te l’ho chiesto in quanto documentandomi sui vari tipi di morso a proposito del prognatismo lessi che oltre ai problemi ipotetici, la chiusura prognata aveva un perché in determinate razze tipo il bulldog (combattere con un toro non è cosa da poco) ed anche il boxer che se non ho letto male veniva pure usato come cane da bovaro…
      Alla fine della fiera il morso prognato non è da criminalizzare a priori ed ha un perché distintivo di determinate razze e come teoria che dimostra una buona presa ci sta tutta.
      Un fattore da prendere in considerazione oltre al tipo di presa e la potenza del morso dovuta a quanto pare alla conformazione del testa e cioè più è larga è più ruslta potente il morso.
      In una valutazione fatta dal national geographic sui kg di peso che esprime il morso delle varie razze i molossi in generale tra cui il nostro cane corso risulta secondo al kangal (morso davvero spaventoso)
      Allego link per chi non lo conoscesse:

      http://morsorosso.blogspot.it/2013/01/il-cane-con-il-morso-piu-potente.html

    • #45822
      Mattia
      Partecipante

      Ho letto tante classifiche ma è difficile farne una esatta e completa, il Mastino dei Pirenei e il Boerboel sono altre due razze mostruose che possono tranquillamente affiancare Kangal e Alabai, alla fine sono tutti molossi di 70/80 kg.

      Vi parlo da ex possessore di un boxer, il mio primo cane( avevo 6 anni) e già vi dico che un boxer di 30 anni fa non c’entra molto col boxer àttuale che vedo in giro, il mio non era territoriale in senso stretto ma abbaiava ad estranei al cancello e sulla difesa personale era tremendo, un amico di famiglia rischiò tanto fingendo di fare la lotta con me, il cane partì come una furia, fortunatamente era legato.

      Il motivo principale della ricerca della prognazione fu il tentativo di eliminare il “mezzo morso” ovvero quando il cane non morde in pieno, il problema è che hanno creato cani come lo stesso Boxer che dal naso praticamente non respirano, poi a forza di continui incroci hanno anche minato la salute, oggi il boxer ha anche dei dentini piccoli rispetto alla mole ed è delicatissimo di salute.

      L’allevatore si chiamava Gabriele Dondi, un vero amante della razza, scomparso di recente, se la metà degli allevatori di cani ci mettesse la metà della sua passione avremmo rivoluzionato la cinofilia italiana.

    • #45826
      Anonimo
      Inattivo

      Buongiorno, ieri ho buttato giù una teoria scaturita da interrogativi passati, classifiche a parte il concetto ruota tutto sulle leve. Da quel che ho dedotto la bocca di tutti i cani può essere classificata una leva di 3 tipo, per intenderci tipo la pinza del ghiaccio o la pinza per tizzoni del caminetto. La parte arrotondata (nel cane l’articolazione) è il fulcro, le nostre dita sono la potenza(nel cane il muscolo massetere ma non solo) l’estremità delle pinze sono la resistenza. Le leve di terzo tipo sono considerate svantaggiose rispetto alle altre due. Considerate che l’esempio nel precedente post si riferiva ad una situazione statica. Quando un cane afferra la resistenza esercita a sua volta una forza (potremmo definire uguale e contraria a quella esercitata) e dal momento che la leva è svantaggiosa per aumentare la potenza e diminuire il lavoro a carico dei muscoli si accorcia la leva. Il fulcro non esercita forze lineari ma rotative, la potenza in fisica ha un valore “elettrico” capacità di sviluppare energia, espressa in kw (tipo il motore dell’auto) o watt tipo le lampadine o elettrodomestici e ancora in kjoul, spesso trovata sui mangimi per animali ma anche umani indica le calorie. Tutto questo è studiato dalla biomeccanica cinetica. Ma che c’entra tutto sto po po di roba con il nostro corso??? Tutto si collega alla dieta del nostro cane molosso, ricca o carente di calcio? Di potassio? Di sodio? Amminoacidi ecc.. ma questo è un’altro argomento.
      A presto Maurizio

    • #45827
      Mattia
      Partecipante

      La mandibola è leva di secondo tipo perchè il fulcro sta tra la forza e la resistenza, i muscoli sono attaccati dietro l’articolazione e non nel mezzo, no?

    • #45828
      Anonimo
      Inattivo

      Dovrebbero stare in asse, ma vedo di trovare un’immagine anatomica e poi ti dirò. Quella ce descrivi tu è tipo il funzionamento della forbice. Fulcro sulla cerniera, resistenza sul tagliente, e potenza sui manici, ma bada che per azionare la forbice devi aprire i manici. Nel cane il fulcro e fisso nell’ articolazione, il mssetere lavora anche in diagonale. Chiedo a google..

    • #45829
      Anonimo
      Inattivo

      Mattia ti confermo, il morso del cane lavora su una leva di 3 genere svantaggiosa.
      Maurizio

    • #45830
      Anonimo
      Inattivo

      Purtroppo al di là del boxer il nostro molosso di una volta non esiste più o per lo meno esiste ma con caratteristiche ridimensionate in quanto era un cane che non temeva ne kangal,boerboel e quant’altro…cani che con molta probabilità derivano dal nostro stesso amato molosso! Naturalmente è un mio parere personale e bisognerebbe ragionare c9n dati alla mano come il misurare la potenza del morso che come valore a se stante preso da solo non vuol dire tutto.
      Sulle leve non ho ben capito se un morso seppur leggermente prognato come il corso standard Enci possa dire comunque la sua?

    • #45831
      Anonimo
      Inattivo

      Statistiche a parte, considera che si è analizzato la dinamica e le componenti di un morso, ma devi vedere nell’insieme l’azione di un’attacco da parte di un molosso, massa potenza nella breve distanza, 50kg e altre che aggiunti alla velocità si raddoppiano, presa e strattoni laterali devastanti. E qui vi darò una bella soddisfazione, farà la differenza il carattere o tempra che il corso tradizionale ha e quello expo forse no. La chiusura ortognata ha i vantaggi che il vostro cane potrà spulciarsi (ma io uso il frontline o simili), e il vantaggio antico ma oggi a solo uso dei predatori selvatici, di strappare pelle o carne che sia(ma io come voi oggi serviamo una bella scodella di croccantini o barf al nostro amato corso) quindi la funzione viene meno. Sostego e resterò fermo sulla mia convinzione che un prognatismo che non sia fisiologicamente limite per la corretta masticazione e altrettanto valido nella tenuta di una presa quanto una chiusura a tenaglia o forbice. Però…chiedo per sviare l’argomento sul difetto prognatismo, quanti corsi tradizionali con una testa simil alano o bracco, vivono in appartamento e quindi non hanno una struttura fisica che ben poco si avvicina al corso delle masserie? E vi siete chiesti se tutta la tempra che hanno non sia riconducibile ad un cane esaurito perché vive in un habitat non adeguato alle sue caratteristiche?
      Da qualche parte avete scritto cane/funzione, il cane in funzione di, il carattere in funzione di…
      Il corso molosso di taglia medio/grande in appartamento in funzione di….soddisfare il nostro narcisismo? Glorioso cane corso tradizionale bovaro, guardiano di greggi, indomito combattente nella caccia alla grossa selvaggina…a cosa ti hanno ridotto, un bel babascione da salotto.
      Ma sono il solo iscritto ad avere un corso da “expo”? Nessuno mi porge la spalla..
      Ho solleticato a sufficienza o infierito troppo?
      A voi la parola…

    • #45832
      Anonimo
      Inattivo

      No non sei il solo ad avere il corso da expo, ma di sicuro a parer mio tutti gli interrogativi che tu hai posto sono azzeccati e che io in un post precedente in parte ne ho parlato e cioè ormai i nostri cani vivono comodamente in città e se anche hai un corso tosto tra le mani devi per forza di cose adattarlo ad un contesto cittadino, più votato alla coesistenza con l’essere umano e non solo il padrone,e non in un contesto rurale…Infatti ho stipulato l’assicurazione per essere coperti da spicevoli inconvenienti!
      È palese usare il corso,come altre razze,non più a svolgere le funzioni ataviche insite nella razza ma attenzione Maurizio è stato proprio ciò che ha spinto ad allevare cani non per la funzione ma
      piuttosto sull’uniformita’dei caratteri e per fare ciò si è fatto di tutto per inquinare le razze nel nome dei vari standard di razza e del dio denaro,per non parlare della stretta consanguinita’ rinunciando alla variabilità genetica.
      Prima i corsi,a quanto riferiscono i vecchi massari,allevavano cani per svolgere un compito a loro assegnatoli e se ne fregavano della morfologia…

      Ps:fa piacere comunque sapere che un leggero prognatismo possa da un lato non dare particolari problemi al cane e che anzi possa dire la sua nel mordere..ma secondo te quanto dovrebbe essere il limite del pragnatismo oltre il quale si parla di patologico?
      Per inteso Maurizio ci sono anche corsi ortognati con evidenti segni di inquinamento da labrador che è cosa risaputa….quindi avere un corso ortognato credo non voglia dire nulla! Parliamo invece se il corso ortognato da quale linee di sangue derivano? Da quanto risale la discendenza degli antenati? Sono interrogativi che a puro scopo discorsivo e non polemico ci dobbiamo tutti interrogare!

    • #45835
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao tutti,dico la mia un pochino(senza volere fare il saputello rompicoglioni) sul moorso prognato, il morso prognato è una degenerazione anormale ,e lo dimostra il fatto che in natura non esiste, e la natura è il selettore mogliore molto meglio di noi umani, nessun animale carnivoro, morde prognato ,il carnivoro con il morso più potente in rapporto alla taglia è la Jena macchiata, e ha un morso micidiale spezza le ossa anche quelle più grosse,ed è rigorosamente ortognato e a forbice, poi cisono tutti i grandi FELINI, fra i quali il Giaguaro che è quello con il morso piu potente, e chiude a forbice pure lui, fra i canidi selvatici quello che ha il morso più potente tanto da poter rivaleggiare con le Jene è il Licaone Africano chiamato anche Lupo macchiato,poi viene naturalmente il Lupo e il più forte è quello grigio nella sua varieta americana,avete mai visto un lupo con la mascella corta e prognata? fra i nostri cani tanto per tirare fuori una razza allevata per mordere, ne cito una che si serve del morso alla grande il Pit-Bul! Un buon Pit è in grado di stare attaccato ad un Copertone sollevato da terra anche per un quarto D’ora, se avesse un morso prognato non ci starebbe neanche un minuto, il Prognatismo è una degenerazione dell’apparato morditore, voluta dall’uomo nelle razze canine solo per soddisfare il suo Ego ,è non è neanche valido il discorso della mascella corta per avere una leva più forte, perchè è ampiamente risaputo che i cani corso con mascella più lunga hanno una presa molto più forte, e poi il prognatismo porta un altro fattore degenerativo (Lo si nota molto bene nei Boxer) i denti si rimpicioliscono, tanto è vero che molti Boxer attualmente hanno delle dentature ridicole (per avere un morso forte oltre che la chiusura ortognata e dei muscoli potenti ci vogliono denti lunghi e forti tipo Lupo) riassumendo, se il prognatismo avesse veramente dato dei vantaggi ci sarebbero molti canidi selvatici prognati, invece non esiste una razza carnivora prognata, e dove l’uomo ha voluto inserirlo in una razza canina ,alla lunga ha creato dei poveri cani deficienti(Vedi Buldog inglese portato all’estremo) il miglior morso è quello ortognato, ci possono essere delle varianti, tipo la chiusura a tenaglia o a forbice rovesciata, ma non devono diventare una norma, la chiusura desiderata e cercata è quella a forbice, la prognata va evitata e abolita sempre e comunque,naturalmente parlo di quando si alleva sulla funzione, se ad una persona capita di ritrovarsi con un cane prognato se lo tiene cosi come è,ma non ha un animale in ottimo stato, ciao Valerio PS scusate la pignoleria ma è una vita che combatto contro sto Ca….. di morso prognato

    • #45836
      Anonimo
      Inattivo

      Mi trovi d’accordo su buona parte del discorso, ma continuo a trovare ingiusto che in un forum sul cane corso si continui ad affermare che ce ne sono due e uno non ha nulla a che fare con l,altro. Era meglio creare un sito dedicato al corso rustico/tradizionale, italian Dogo Pugliese, e discostarsi da questa razza mal manipolata ma comunque riconosciuta. Ci volevano come sempre persone del nord per far riconoscere il molosso italiano. Noi al sud sempre buoni a fare tante parole. E chi senza approfondire troppo compra un corso e poi arriva qui e si sente dire si è un corso ma mon un vero corso. Ma alora che cacchio di cane ho? E che vuol dire da expo e non rustico. Se mon ti riconosci taglia questo cordone ombelicale e prendi le distanze da questo cane nel quale non ti riconosci e intraprendi la strada di un riconoscimento inequivoco del DOGO PUGLIESE. Ne guadagnerebbero sia i corsi che i parenti malandrini tradizionali o rustici che si voglia dire.
      Maurizio

    • #45837
      Anonimo
      Inattivo

      CONCETTO DI BELLEZZA

      Cosa sintende per bellezza in cinognostica?
      Dal punto di vista estetico si dice che è bello tutto ciò che, attraverso i nostri sensi, ci allieta lo spirito. Dal punto di vista cinotecnico la bellezza sidentifica con l’utilità. Perciò un cane è bello solo quando risponde agli scopi cui è stato destinato.
      Pertanto bello e utile sono sinonimi.
      Abbiamo alcuni tipi di bellezza, ma quelli che a noi interessano sostanzialmente sono quattro:
      1) Bellezza Convenzionale
      È dettata dalla moda e quindi per noi ha pochissima importanza. Essa guarda: varietà nei colori, tagli della coda e delle orecchie, tolettatura.
      2) Bellezza Armonica
      Studia lesattezza delle proporzioni delle singole parti: formato dei profili e proporzioni diametriche. [Formato = rapporto statura = massa (peso e volume) = Mole]
      Rispetto al formato abbiamo tre gradazioni fondamentali Piccolo Medio Grande, poi le loro suddivisioni Piccolissimo Mezzano Grande Grandicello Grandissimo (Bassotta fra i piccolissimi)
      3) Bellezza Adattamento al Lavoro
      Essa consiste nellarmonia delle singole parti, delle loro forme esteriori con le funzioni economiche secondo la razza cui il soggetto è stato destinato.
      Infatti, se dovessimo giudicare il Bassotto dal punto di vista estetico, dovremmo concludere che tale cane è brutto e disarmonico, ma dal punto di vista funzionale diventa bello per il lavoro cui è stato destinato.
      4) Psichico e Morale
      A cosa servirebbe un soggetto molto ben costruito quando al primo rumore si mettesse a scappare?
      Ed ecco allora affiorare questo 4° ed importantissimo concetto di bellezza, che sussiste quasi esclusivamente per le razze canine, e che senza dubbio è il più importante poiché un cane potrà essere utile alluomo solo mediante un buon carattere. Tenendo presente che si può anche essere buoni (longanimi) sui primi due concetti, si dovrà essere severissimi per il terzo; poiché è preferibile un soggetto M.B. ma giustamente equilibrato ad un soggetto Ecc. ma tarato (alterato) psichicamente.
      Concludendo un soggetto deve essere esaminato sotto tre punti di vista:
      Lato estetico (gradevole ai nostri sensi quando ad es. si vede una bella spalla);
      Lato funzionale (una bella spalla, giustamente inclinata, consentirà di coprire diverso terreno);
      Lato Psichico morale.

    • #45841
      Anonimo
      Inattivo

      Salve Valerio, saputello posso anche prenderlo per buono un sua personale considerazione,ma rompicoglioni se voleva poteva anche scrivermi che sono indesiderato sul sito italian corso, di sicuro e da quel che ho capito lei è l’eccelenza in fatto di storia del corso, devo aver scritto qualcosa che più che romperle i cogliono li avranno fatto girare a mille e si sarà surriscaldato un tantino, minimo può farmi le scuse. Ho semplicemente da saputello e il mondo ne è pieno, espresso le mie convinzioni nel rispetto delle altrui convinzioni. Fermo restando e le possono girare quanto vuole che ci sono due cani sotto uno stesso nome. Inoltre e concludo dovrebbe far si di suggerire all’ideatore del sito di modificare, le premesse, alquanto civili e di buona educazione per aver accesso allo stesso. Il suo sapere circa i vari morsi in natura li può trovare ovunque su internet. Come vede lei ha reagito come un buon corso tradizionale io le rispondo come un buon corso equilibrato.
      Ps: Naturalmente se sono indesiderato lo comunichi apertamente, evitando apprezzamenti personali, come ho sempre fatto e limitandosi a ciò che concerne il cane.
      Saluti Maurizio

    • #45842
      Anonimo
      Inattivo

      Ciao Maurizio,per quanto mi riguarda sei il benvenuto qui ed i tuoi interrogativi e spunti di discussione x me sono molto interessanti e ti fanno riflettere anche su altri punti di vista.
      Ma al tuo bisogno e fame di informazioni ognuno ti può dare un’apporto personale per capire e comprendere tutto ciò che ruota intorno al mondo del corso.
      Tornando in tema il corso non è solo pugliese,anche se diffusamente presente,ma un po’ di tutto il sud e il voler dividere il destino delle due tipoligie di fatto è stato già perpetrato negl’anni 80 proprio da chi ha spinto per il riconoscimento “moderno” . Tra l’altro chi alleva rispettando lo standard di razza il più delle volte nel retrobottega ha dei corsi tradizionali e questo te la dice lunga sul perché non solo chi è qui ma anche fuori comunque preferisce allevare,seppur in modo ipocrito a mio avviso,le due tipologie.
      Probabilmente sono due faccie della stessa medaglia è per quanto mi riguarda ogni scelta è rispettabile senza creare la classica guerra tra guelfi e ghibellini.
      Tu ti chiedevi che corso hai preso,hai preso un corso con probabile sangue da boxer che rispetta molto probabilmente a pieno lo standard, come altri corsi ortognati con evidente sangue da labrador. Purtroppo la razza in parte è stata inquinata e per fortuna ci sono allevatori legati alla tradizione,come il contado del Molise e qui puoi vedere dei soggetti davvero notevoli,che cercano di recuperare alcune linee di sangue storiche.
      A proposito di quei del nord,si l’ho detto anche io che sono più bravi a fare le cose ma la storia mi spiace non si cancella.
      Senza nulla di personale,Antonio

    • #45845
      Marco_CCT
      Partecipante

      Maurizio certo che sei il benvenuto, ma il fatto che in natura il prognatismo non esiste è un dato di fatto, e come ha scritto Valerio il motivo c’è. Aggiungo anche che è una caratteristica che se non viene continuamente fissata (usando cani prognati) tende a scomparire, proprio perché non è utile per la sopravvivenza della razza, e dei carnivori in generale.
      Per quanto riguarda le distinzioni tra Corso da expo e tradizionale, se si entra nel discorso vengono per forza fatte, perché ci sono, esistono.
      Questo non vuol dire che si discrimina il corso da expo, ma vengono semplicemente messe in luce fatti e caratteristiche che purtroppo ci sono. Ed è giusto che se ne parli.
      Comunque il tuo è ancora un cucciolo, quando crescerà magari farà un ottima guardia. Ciao.
      Marco

    • #45846
      Anonimo
      Inattivo

      Grazie Marco, un’esempio di scambio di vedute civile e utile, ai cani alle persone e al forum stesso. Non ho ricevuto le scuse pubbliche in quanto tra parentesi un’offesa personale ho ricevuto da Valerio. Purtroppo i calabresi hanno un difetto, la suscettibilità e non accettano apprezzamenti gratuiti da chi è che sia. Ora Valerio, se ritenevi che nelle mie discussioni ci fossero elementi da saputello avresti potuto dibattere all’istante contrapponendo le tue conoscenze. Posso capire che sono argomenti discussi e stradiscussi, ma fa parte dei forum, chi entra non ha voglia di andare a rispulciare vecchi post, pone domande e vuole risposte. E se non erro dovresti essere un moderatore che non esordisce malamente come ha fatto. Dovresti autobannarti. Inoltre, ma che cavolo di risposta è la jena il leone la tigre, sono animali che se non ammazzano non mangiano, istinto di autoconservazione della specie. Si prendeva in esame semplicemte la bocca del cane nella funzione del morso, dove -forse non hai letto bene -le mie conclusioni sono state con riferimento al lupo e predatori selvatici, ma restando su una mia personale convinzione sulla validità del morso prognato non patologico o deturpante che si voglia dire.
      Un saputello dall’alto della sua erudizione si sarebbe aspettato qualcosa di simile:

          4) valutazione dei rapporti tra i canini.

      Il diastema è lo spazio libero tra gli incisivi superiori ed il canino superiore, che permette, quando il cane chiude la bocca, l’esatto inserimento del canino inferiore.
      Durante la crescita il diastema coordina lo sviluppo tra mascella e mandibola. Sia nell’uomo che nel cane, la mascella si sviluppa prima della mandibola. Per questi motivi i cuccioli da tre a sei mesi possono dare l’impressione di essere leggermente enognati. Quando il canino inferiore raggiunge un certo grado di sviluppo e si inserisce nel diastema, il canino superiore esercita su di lui e di conseguenza sull’intera mandibola una trazione (simile a quella prodotta dalla macchinetta del dentista) che consente un pari sviluppo della mascella e della mandibola.

         
       5) valutazione dei rapporti dei premolari.

      La valutazione dei premolari consente di differenziare il prognatismo dalla malaocclusione.
      La malaocclusione degli incisivi è considerata un problema di sviluppo (anche se è difficile stabilire l’importanza reale della componente genetica) e viene confusa con il prognatismo.
      Nella malaocclusione i canini ed i premolari occludono correttamente, e cioè interdigitano tra loro e soltanto gli incisivi si trovano fuori dellallineamento normale.

      Vedi come ho già scritto, sono nato e avevo un cane ai piedi della culla, il saputello proviene da anni di VISSUTO con il cane, spesso si fanno riferimenti al boxer, io l’ho vissuto il boxer e ne conosco caratteristiche difetti e peculiarità, mi affascinava il bulldog inglese? Ho vissuto il bull guardandolo in bocca per capire quel prognatismo esasperato,osservandolo per molti anni e chiedersi il perché dello scempio fatto a spese di questo cane. Mi incuriosivano i cani nevrili? Ho preso uno gigante, ho vissuto per anni questo cane, e quando non ho potuto tenerli io, ho regalato a mio nipote un rothwailer, mentre mio cognato in giardino ha un aamercanpit. Per non parlare del mio ei fu meticcio maremmano, o del jack che per plauso al reverendo ho preso per vedere cosa aveva tirato fuori. Poi l’indecisione sul perro canario, dogo argent. e corso. Orgoglio nazionale, corso. Chi poteva sapere che sotto c’era tutto sto casino. Ma probabilmente ciò che ti ha infastidito è stato il riferimento al Dogo Pugliese.
      Comunque sia hai ritenuto non dovermi delle scuse, quindi ti rendo il morso. Ho letto qua e la su questo forum che sei venuto giù a prendere degl’esemplari di corso, se sei un’allevatore cambia mestiere soprattutto se il risultato è quello della foto del profilo, un la testa di un alanobraccheggiante, cambiala. Sii più umile non fare sempre il dio che interviene e profferisce il verbo della verità, in un forum non si discute solo se il cane fa la pipi alzando la zampa dx o sx. Mantienilo vivo il forum e mettiti in gioco in prima persona, con ciò che tu pensi, non ciò che leggi, esci dall’ombra degl’articoli del sig. LAVANCHE almeno sono utili e imparziali.Ma soprattutto fai uscire dall’ombra i tuoi corsi da una standard enci dal sottoscritto anche criticato. Non nasconderti dietro al tuo cane cazzuto le tue debolezze, poverino quando tiguarda non oso pensare quale considerazione ha di un filosofo che ha la presunzione di sapere tutto su di lui ma che di certo ha fallito in qualcosa.
      Mi congedo da questa tragicomica e tra parentesi ricambi con un link, Antonio Albanese, in Qualunquemente al suo avversario De Santis mentre tiene il suo comizio elettorale https://youtu.be/kPI7iayIcxI
      Dedicato a te e al tuo corso.

    • #45851
      Anonimo
      Inattivo

      Allora caro Maurizio se ben hai letto quello che ho scritto il Saputello me lo sono dato a me medesimo ,non ha te ,hai male interpretato quello che ho scritto, e mi dispiace, io ho scritto e vallo a rileggere “non voglio fare la figura del saputello rompicoglioni” ma parlavo di me stesso, chiaro! Non certo di te, infatti il mio è stato un intervento generico a favore di tutti, ( il mio intervento incominciava con un Ciao tutti) a dire la verita non sono neanche andato a leggere quello che avevi scritto sulle leve del morso e altre cose, appunto perche ho solamente scritto quello che succede in natura riguardo alla prognatura e nell’allevamento del cane , mi secca molto che tu abbia creduto che il saputello e rompicogloni era destinato a te, non sono quel tipo di persona, perche poi andando a leggere quello che hai scritto devo dire che ci sono interessanti anche se laboriosi spunti per belle discussioni, ma ripeto se vai a rileggere il mio intervento incominciava con “non voglio passare per un saputello o rompicoglioni” ed era rivolto a me stesso, pensa a quanto ci sono rimasto male oggi aprendo il Forum e trovando una marea di scritti sul fatto che ti sei offeso,ripeto hai capito male e frainteso il tutto ,percio seppellisci l’ascia di guerra perche oltre che un malinteso hai fatto tutto questo can can per niente, in questo Forum ogni uno è libero di dire quello che gli pare,ma non si da del saputello e soppratutto del rompicoglioni a nessuno, ci mancherebbe altro! ciao Valerio PS non ho mai dato del Rompicoglioni neanche a Giuseppe, e si che lui lo era veramente.

    • #45854
      Anonimo
      Inattivo

      POI se non sono intervenuto subito a chiarire la faccena è perche ero fuori in una gara di Gran fondo in bici (altra mia grande passione) e aprendo il forun oggi mi ritrovo tutto questo casino, comunque di nuovo caro maurizio hai frainteso il Saputello e il Rompicoglioni non erano rivolti a te , erano rivolti a me stesso , sai io mi prendo in giro da solo parecchie volte, e gli amici del Forum lo sanno benissimo, di nuovo Ciao

    • #45857
      cainos
      Moderatore

      Ola Ola Ola, manco per un pò e guarda qui.

      Allora rivolto a Maurizio e Citando un Grande amore di Film Amici Miei, Quando il MElandri Parla Del Sassaroli, ancora non del Gruppo.

      Guarda qui Che personaggio ti salta fuori. 🙂

      Sono molto interessanti le tue riflessioni e molto molto tecniche, tanto tecniche che ne ho lette la metà ma sicuramente sonno pertinenti.

      Ora io non ho la tua esperienza in campo cinofilo, però vediamo se riesco a dare delle visioni pratiche riguardo certi argomenti trattati.

      PS. Ah sinceramente anche io non avevo inteso l’ intervento di Valerio nei tuoi confronti offensivo, ma bensì come da lui descritto riguardante se stesso Autoironizzante. Comunque siamo su un Forum e può capitare.

      Veniamo alla questione Leggera PRognatura Sebbene non abbia letto tutto (ma ho letto molto) da quello che hai riportato potrei darti anche in teoria ragione.
      Esempio Pratico.
      Supponiamo di afferrare un Postit con la punta delle dita del pollice e l’ indice.
      Nel primo caso mettiamo l’ indice davanti al pollice e simuliamo una forbice
      Nel secondo Li mettiamo pari e simuliamo una tenaglia
      Nel terzo il Pollice un po’ più avanti dell’ indice e simuliamo dunque una forbice inversa o leggera prognatura.

      Se in tutti e 3 gli esempi proviamo a stringere in questa morsa il Postit e tirarlo via ci accorgeremo che la presa ad essere più rfficente è proprio la Forbice inversa o leggera prognatura.
      LA base è Più solida.
      Però c’e’ un Problema, la PRognatura non è un carattere genetico stabile. E’ recessivo e per lo più ingestibile perché per ottenerlo si deve costantemente inserire e siccome la genetica è Genetica ti possono saltare fuori anche scempi, e se si continua con questa selezione (vedi Bulldog da te citato) questi Scempi non sono solo su alcuni soggetti am poi diventano una vera e propria mattanza.
      Quindi ammissione che possa essere anche più funzionale come presa ma stabilito che in soli determinati Limiti, e stabilito che è impossibile ricercarli questi limiti per tutti i soggetti senza scatenare la nascita di soggetti ipertipici, viene da se che una attenta selezione funzionale atta alla salvaguardia del maggior numero di soggetti dovrebbe escluderla.
      Se poi ti ritrovi un Soggetto leggermente Prognato o Con forbice inversa ma con un Buon Carattere e tempra hai fatto bingo.

      PEr me è impensabile l’ idea che su una cucciolata di 8 individui anche solo 2 possano venire fortemente prognati anche solo per coronare il successo di 6 leggermente prognati, non riesco a fare questo tipo di pelle ai Cani proprio non riesco.
      Io Stesso preferirei dunque una ricerca selettiva su forbice Dritta per aspettarmi un Forbice contraria (sicuramente preferibile alla tenaglia).

      Ora veniamo al concetto che esprimevi sul discorso di come è impiantato questo forum e il discorso Expo e tradizionale.

      Tu giustamente dici uno si prende un Corso e poi viene qui e legge che non ha un corso.

      1) mi verrebbe da dire che Purtroppo è una delle razze più tormentate e che quindi si spera che uno si documenti a fondo prima di scegliere un corso.
      2) Dipende per cosa ti serve il corso, se fosse per la guardia probabilmente pescando fra i tradizionali sei più tutelato (ma daltra parte avresti un cane più tosto da gestire) da una linea Expo probabilmente devi essere più fortunato e ci età pure che becchi il pacco.
      3) Il discorso linea funzionale o da Expo non è solo sul Corso ma su tante razze definite al momento da Lavoro. Prendiamo per esempio il più Estremo, il Pastore del Caucaso. I soggetti di 10 anni fa erano Veramente Complicati da gestire se non li si conosceva a fondo e se non si era disposti a entrare nella loro mentalità
      I soggetti di adesso in molti sono ancora Ingestibili per l’ utente medio ma sicuramente meno spinti dei primi che arrivarono (e questo a mio avviso è un bene)
      MA anche in questa razza decisamente Reattiva Dominante e mordace ci sono soggetti da esposizione che invece sono Dei Giuggioloni, questo eprchè si è selezionato altri aspetti sopratutto estetici (e lo si vede anche dalle dimensioni) rispetto alle primitive attitudini. Insomma un LEonberger fisicamente non è molto differente da un Caucaso.
      Quando si Parla di Cani allevati sulla funzione rispetto alle esposizioni mi vien in mente un po’ cosa è successo nelle Arti Marziali.
      Nel momento in cui si è passati da disciplina (con tutta la sua tradizione per carità) atta alla difesa alla disciplina sportiva con relativo emolumento agonistico si è perso tanta della sua essenza.
      Il Judo olimpionico o il Wrestling olimpionico non sono paragonabili alle loro origini di Bushido il primo e Pancrathio il secondo.

      Questo eprchè quando si fa questo tipo di trasformazione si deve scendere necessariamente a compromessi per mille mila ragioni.
      Allora vedi che Quelli che un tappo facevano KArate come Autodifesa adesso cercano discipline più funzionali e complete come il Krav Maga.

      Lo so Ho divagato ma il punto è che quando si va a cercare una specifica razza di Cane perché si vuole in primis adempia alla sua Funzione Necessariamente ci ritroviamo due linee differenti, una Appunto dove si è ricercata la funzione e una dove si è ricercata il concetto di razza nel complesso che ha talmente tante sfaccettature Intrinseche che mi chiedo come si possa realmente ottenere.

      Basta leggere alcuni standard Grande Guardiano Mordace ma equilibrato.
      Certo se per equilibrato in questo senso si intende che ti Morde se non gli torna qualcosa è giusto.
      MA invece sembra si intenda che per un arcaico motivo il cane dovrebbe comprendere la nostra socialità e mordere quello si e quello no.
      Leggo le caratteristiche di molti standard e vi trovo tutto e l’ incontrario di tutto sopratutto nella parte caratteriale, come se si volesse andare a cercare che come si casca si casca bene basta stare nella media.

      Questo è quello che penso sulle esposizioni e gli standard Enci sui cani da Lavoro.
      E fossi un Allevatore mi metterei le mani nei capelli per riuscire a capire cosa cavolo dovrei fare per riuscire a ottenere ogni cosa.
      Per questo poi ci ritroviamo gli stessi allevatori Enci che hanno 2 linee di sangue quando vai a fargli visita 1 con cui devono vincere e farsi un nome per poter vendere e l’ altra per coloro che invece vogliono un cane funzionale.

      Concluderò il mio lungo intervento proprio con un Aneddoto riguardante il Pastore del Caucaso razza che al momento stò studiando a fondo.

      Vi era un Allevatore diversi anni fa che fu uno dei primi a importare questa Razza ai tempi sconosciuta in Italia, e stiamo parlando di Soggetti che erano veramente spinti ma lui aveva una passione grande e una grande volontà.
      Un giorno un esperto cinofilo amante di moltissime razze e venuto a conoscenza di questa nuova importazione si recò dall’ allevatore in questione per visionare i soggetti.
      Aveva due Maschi chiusi nei rispettivi Box, In Metallo Si avvicinò al primo e fino a che non fu a meno di 3 metri non sentì Assolutamente niente, come si avvicinò oltre partì un Bestione Tutto Pelo che cominciò a Ringhiare come un pazzo e Mordere le maglie di Metallo Del Box per potere uscire e Sbranarlo.
      Il Tizio RImase impressionato e ammise che quasi non riuscì a vedere il Cane Teneva d’ occhio sempre dil Grosso lucchetto come a sicurezza che questo fosse abbastanza solido e non si rompesse.
      Il cane UNa furia.

      Poco avanti in un Box identico ma con 5 Lucchetti stava un’ altro Soggetto sempre Maschio.
      Quando vide i 5 lucchetti cominciò a preoccuparsi ma poi vide che il soggetto in questione stava sdraiato e lo guardava semplicemente senza battere ciglio.
      Era sicuramente impressionante Sembrava un Leone ma proprio come un leone se ne stava li tranquillo sdraiato senza fare una pecca.

      il Tipo in questione gli chiese da che allevamenti venissero e ovviamente non erano lo stesso anche se entrambi rinomati e lui gli chiese perché ne avesse di così differenti.
      L’ allevatore gli rispose che era stato costretto a prendere il Secondo perché quando venivano a trovarlo e gli mostrava il Primo la gente se ne andava via Spaventata e non ne voleva più sapere, mentre vedendo il secondo l’ impressione era ottima.

      A quel punto gli chiese come mai avesse messo solo 1 lucchetto al primo e ben 5 al secondo cosa nascondesse.

      L’ allevatore fece spallucce e disse Perché questo Qui l’ ho Pagato 15 milioni e se venisse uno a prenderselo di nascosto andrebbe via con chiunque senza fare una piega.
      E avrebbe perso un sacco di soldi.

      Per l’ altro soggetto non si rese necessario porre la medesima domanda.

      Insomma Già a quei tempi e su una razza appena arrivata e resa famosa per la loro alta aggressività e funzione Il Mercato Parlava chiaro, tutti cercavano il Cane Da guardia Feroce ma poi quando lo trovavano si spaventavano, mentre il più Giuggiolone scatenata i migliori voli pindarici nella mente degli acquirenti e andava via come il pane.

    • #45869
      Mattia
      Partecipante

      Complimenti, molto interessante e riflessioni a parer mio impeccabili!

    • #45870
      Anonimo
      Inattivo

      Certo è un discorso che abbiamo gia affrontato, oggi tempestati dai Mas media , la gente vuole il cane bello socializzato!!!!! che vada al Campetto e giochi con tutti i cani, che faccia la festa tutti gli amici rompicoglioni che girano per casa, ma al momento del bisogno,cioè se viene un ladro di notte, questo patatone da divano deve diventare Rambo,secondo voi da un punto di vista cinofilo è possibile ? gestire un vero cane corso tradizionale è un pochino più complicato, ma ricordiamoci che fra i grandi cani da guardia è quello che consente sempre al padrone di comandare cosa alquanto difficile con altre razze.

    • #45881
      Federico Lavanche
      Amministratore del forum

      Maurizio…scusami se ti scrivo solo ora…ma.. sei partito attaccando come il migliore dei cani corso! 🙂
      Conosco Valerio da diversi anni ormai e ti posso garantire che non è ne un provocatore ne arrogante ne si è mai permesso in tutti questi anni di mancare di rispetto a qualcuno. Qui sei il benvenuto come tutti gli altri appassionati di cane Corso Italiano! 😉
      Ciao,
      Federico

Visualizzazione 53 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.