La scelta  del cucciolo

La prima cosa da consigliare a chi si accinge a comperare un cane è di non aver fretta.
di vita per i prossimi dodici/quattordici anni e non un televisore…..
… questo ci porta ad un altro punto importante: “Il cane non si regala mai”. L’impegno che genera l’entrata in casa di un cane non può essere imposto né con la forza né con l’amore; accudire un cane è un piacere soltanto se gli si vuole bene; diversamente diventa un peso. Quindi mai sorprese a quattro zampe!
La cosa migliore da fare è reperire una copia dello standard che vi servirà per avere una descrizione dei dati salienti riguardanti la razza, come colori ammessi, dimensioni e difetti.
Lo studio dello standard e di eventuali libri dovrebbe mettervi in grado di rispondere alle seguenti domande:
Nel Cane Corso qual è l’ altezza minima e massima per maschi e femmine?
Quanto esercizio è necessario per mantenerlo in buona forma psicofisica?
Quali sono le principali malattie genetiche che affliggono questa razza?
Quali controlli sono necessari per accertarsi che il cucciolo sia sano?
Che tipo di alimentazione viene consigliata?

Maschio o Femmina?

Certamente il maschio rispetto alla femmina è più forte e più imponente. Inoltre non va in calore due volte l’anno. A questo proposito si consiglia di sterilizzare la femmina prima del suo primo calore; in questo modo avrete il massimo effetto preventivo nei confronti dei tumori. Quanto alle dicerie secondo le quali una cagna deve avere una cucciolata per migliorare carattere e conformazione sono soltanto, appunto, dicerie prive del benché minimo fondamento che spesso hanno il solo effetto di arricchire veterinari o, nella peggiore delle ipotesi, la schiera dei cani abbandonati.

Vero per alcuni soggetti invece che la cagna sterilizzata tende ad ingrassare… specialmente se mangia troppo!
Se invece avete intenzione di frequentare il mondo delle esposizioni e di mantenere la cagna intatta, il consiglio è di avere un robusto box dove alloggiare la cagna durante il periodo critico che non permetta al classico cane del vicino di raggiungere la vostra cagna o viceversa. Che sia maschio oppure femmina non cadete nella trappola di fare la classicacucciolata, l’allevamento è una cosa molto seria…

Quanto mi costa?
Un cane acquistato in allevamento può avere prezzi diversi che possono apparire esagerati anche se in generale costa molto meno di un televisore al plasma,dura molto di più e non richiede abbonamento!! Bisogna considerare che l’allevatore ha dei costi molto alti da sostenere; vediamo di farne una piccola panoramica:
una coppia di cani da riproduzione costa bei soldi; considerando un prezzo medio di 700 euro per un cucciolo e il relativo mantenimento per due anni, si arriva facilmente a 2000 euro per soggetto. Se invece i cani sono stati acquistati adulti, i costi possono salire notevolmente in base ai risultati ottenuti partecipando alle esposizioni o nelle prove di lavoro.
Entrambi i cani componenti la coppia devono essere stati sottoposti a vari controlli sanitari per escludere tare genetiche/ereditarie con un costo medio di 500 euro a cane. I cani, si sa, mangiano, e un sacco di mangime costa sui 30/40 euro per 15kg; il sacco dura un mese quindi 30x12x2 = 640 euro per la coppia.
Rimarrete stupiti, ma i cani vanno vaccinati una volta l’anno e due volte per la leptospirosi, e sono altri 100 euro!
Diciamo che questi cani scoppiano di salute e vanno dal veterinario solo una volta l’anno; saranno comunque 80 euro!

Naturalmente vanno protetti contro filariosi, flebotomi, pulci, zecche, zanzare e fanno altri 120 euro!

Gli allevatori vanno anche alle esposizioni per, appunto, esporre i propri cani; l’iscrizione può costare 20/40 euro, la distanza da coprire arriva facilmente a 500 km quindi, arrotondando, calcoliamo 1 euro ogni 10 km che dà 50 euro ogni gara; partecipando a solo dieci gare già si spenderanno 500 euro! (Sempre che, per evitare di aggiungere altri costi, si dorma in macchina e si mangino panini preparati a casa!). Supponendo che si voglia usare un maschio non di proprietà, sarà d’obbligo fare lo striscio per evitare viaggi a vuoto; costo 30 euro! Ai quali si aggiungono i 500 o
Sempre sperando che non ci sia bisogno di ricorrere al veterinario nel corso della gravidanza,(cesareo o altre complicazioni) per un costo impossibile da 1000 euro per il costo della monta. Ecografia per sapere se la cagna è incinta…50 euro! Durante la gravidanza e la lattazione, la cagna non mangia un mangime normale quindi, aggiungiamo altri 20 euro di differenza da prevedere!
Nascono i cuccioli, in media 8 e con loro altri costi: sverminazione €40; vaccinazioni Euro 200; tatuaggio o microchip Euro 250/480,iscrizione pedigree Euro 90 o più a seconda di chi lo rilascia.
Fortunatamente i cuccioli crescono e vogliono presto mangiare il mangime più caro che esista, quello per cuccioli!
Credo che basti per dare un idea dei costi cui va incontro un allevatore serio, anche se, credetemi, basta poco per aumentarli; l’ipotesi appena fatta dà per scontato che tutto proceda senza complicazioni… ma spesso non è così.

Dove lo compero?

Il negozio di animali : posto meno idoneo.
Il cucciolo preso in negozio, in genere ha le seguenti caratteristiche: l’origine è incerta non si conoscono i genitori non ha pedigree (vengono richiesti altri soldi per averlo) l’età è incerta non è vaccinato cresce in gabbie anguste è spesso affetto da malattie infettive cresce caratterialmente instabile a causa del distacco precoce da madre e/o cucciolata Si SCONSIGLIA vivamente di acquistare un cucciolo in qualsiasi negozio di animali.
Scartata completamente l’idea del negozio, passiamo agli allevamenti, che possiamo dividere in due categorie:
1 Privati ;
2 Allevamenti.

Allevatore

Raramente un allevatore serio cambia razza più di una volta nella vita: diffidate di quegli allevatori che hanno venti anni d’esperienza con altrettante razze diverse….

Ambiente Lavoro

A questo punto dovreste iniziare a contattare personalmente gli allevatori non per acquistare già il cane, ma per conoscerli, visitare le loro strutture e chiedere informazioni sulla razza.
Gli allevatori seri sono, di regola, più che disponibili a far visitare il proprio allevamento e dare consigli al futuro acquirente di uno dei propri cuccioli.
Spesso sono loro a scegliere il miglior cucciolo per voi, cercando di abbinare le caratteristiche del cucciolo alle vostre.
La prima preoccupazione di un buon allevatore è quella di accertarsi che uno dei suoi cuccioli non finisca abbandonato sulla strada durante la prima stagione balneare.  In genere vi verranno chieste molte informazioni su come e dove verrà tenuto il cane, la composizione della vostra famiglia e altre notizie utili a valutare la vostra idoneità.

Chiedete di visitare l’allevamento

Un buon allevatore non rifiuta mai di far vedere i box o recinti dove tiene i cani (non solo i cuccioli); debbono risultare puliti e di dimensioni idonee.
Controllate che i cani siano in buone condizioni.
Trattandosi di cani corso si comporteranno da buoni cani da guardia, mai timorosi.
Riguardo la salute chiedete di sapere quali sono le malattie più ricorrenti nella razza (dopo esservi informati dal club di razza) e cosa viene fatto per controllare i soggetti in allevamento; verificate con il club di razza quali controlli sono obbligatori e quali consigliati. Chiedete notizie sulle malattie al vostro Veterinario di fiducia.
Prendete nota inoltre, di quali garanzie sono offerte nel caso che il cane sviluppasse una malattia genetica o altrimenti invalidante; ricordate che la legge vi protegge solo per pochi giorni e non copre questo aspetto (malattie genetiche).

Un elenco di domande che hanno come fattore comune la risposta, che dovrebbe essere sempre “SI’”
I cuccioli nasceranno nell’allevamento stesso?
I cuccioli verranno consegnati ad almeno otto settimane?
L’allevatore ha fatto molte domande su famiglia e luogo di residenza?
L’allevatore ti ha offerto assistenza dopo la vendita?
Ti senti a tuo agio quando parli con l’allevatore?
L’allevatore è iscritto al club della razza?
Entrambi i genitori hanno almeno 18 mesi/due anni di età?
Sei stato avvertito sui problemi ai quali normalmente vanno incontro i nuovi proprietari?
I genitori sono stati controllati per scongiurare la presenza di eventuali malattie genetiche?
L’allevatore è informato sullo stato di salute di altri cani presenti sul pedigree?
Ti sono state offerte delle garanzie sulla salute del cucciolo?
L’allevatore ti ha spiegato che la garanzia sui problemi genetici non garantisce che non ce ne saranno?
L’allevatore ti ha parlato di socializzazione?

Le domande che dovrebbero avere sempre come risposta “NO”

La garanzia sui difetti genetici implica la restituzione del cucciolo?
L’allevamento offre più di tre / quattro razze?
I cuccioli vengono pubblicizzati come ottimi regali?
Senti che l’allevatore sta cercando di convincerti a comperare?
L’allevatore ti ha parlato male di altri allevamenti?
Ti sono stati offerti cuccioli senza pedigree?
La cucciolata arriva da fuori dell’allevamento?

Al termine di questo giro informativo avrete sicuramente le idee un po’ più chiare e avrete già iniziato a restringere la rosa degli allevamenti ai quali rivolgervi.
Pretendete di avere copia dei seguenti documenti:
1. Il pedigree ( fotocopia) dei genitori ;
2.Documenti comprovanti eventuali titoli di campione dei medesimi;
3. La denuncia della cucciolata ;
4.Il libretto sanitario del cucciolo (vermi/vaccini).
Diffidate di chi pratica prezzi eccessivamente differenziati, se non nel caso in cui il cucciolo in questione presenti un difetto non invalidante, ma pregiudicante la carriera espositiva (es.: pelo non conforme allo standard di razza), nelqual caso il prezzo verrà abbassato rispetto al prezzo pieno.
Attenzione a frasi come “Andrà via da grande” …
Prenotato il cucciolo, arriverà il giorno in cui dovrete andare a ritirarlo; trattandosi di molossoidi minimo a 60 giorni di età.

Non accettate il cucciolo senza esservi accertati che:

  • sia cresciuto con i suoi fratelli (una visita di controllo durante la 5° e 6° settimana sarebbe il miglior modo per assicurasi di questo).
  • La madre abbia avuto sempre la possibilità di scegliere se stare con la propria cucciolata oppure no.
  • Quando vi recate verso il recinto o ambiente dove sono tutti i cuccioli , questi appena coscienti della vostra presenza, vi corrano incontro, contenti di vedervi. Cuccioli timidi sono quasi sempre frutto di mancata socializzazione e/o scarse qualità legate alla genetica. Se i cuccioli non vi accolgono festosi non comperate,

Scegliere un cucciolo può sembrare cosa facile ma capire qual è il migliore per voi è un’altra cosa. Esistono test caratteriali che possono essere eseguiti all’età di 49-54 giorni che, se fatti competentemente, rivelano alcuni tratti caratteriali importanti come, ad esempio, l’indipendenza o la docilità.
Appena preso il cucciolo, recatevi immediatamente dal vostro veterinario di fiducia per avere un parere medico sullo stato di salute dell’animale.
Nel caso vi fossero problemi, telefonate immediatamente all’allevatore o al veterinario di quest’ ultimo e fatelo parlare con il vostro veterinario (se questi è disponibile), oppure parlateci voi direttamente.

fonte: canecorsodeltaras.com

Ultimi Articoli

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE